Ma a Corraine ddu leghent sceti is corraineddos ki non leghent átera cosa?

498

Un amigu m’at mandau sa fotocopia de s’ articulu de s’Unione , tzidadu dae Munsennore Corraine in s’intervista ki s’est fatu issu e totu in Limba Sarda 2.0. Su mere de su situ est issu.

Bolía cuntrollare si in mesu a is faulas normales ki contat Corraine non bi fessit puru carki sballiu de sa giornalista.

Nossi!

Sa sintesi ki at fatu Daniela Pinna torrat cun su ki apo scritu a issa.

Deo a Daniela Pinna dd’ia scrita: “Allora: Sono uno dei firmatari della LSC e, diversamente da quanto dichiarato da Corongiu, non ho mai cambiato idea. La LSC non è stata concepita come standard del sardo, ma come linguaggio burocratico-amministrativo per i documenti in uscita della RAS. Per quello scopo limitato, pur con tutti i suoi limiti va anche bene. Do un giudizio certamente positivo sul ruolo svolto dalla LSC in quella funzione, perché ha permesso ai Sardi di abituarsi all’idea di una lingua ufficiale. Anche se era chiaro dal principio–e io l’ho fatto presente a Paulilatino, nel 2007, alla presentazione della mia ricerca–che la LSC, così come è non poteva andar bene come standard. Era chiaro che nel meridione della Sardegna non sarebbe stata accettata. Inoltre nell’applicazione della LSC sono stati commessi degli errori molto gravi, anche perché voluti. Contro gli accordi presi in commissione, si è proceduto a settentrionalizzarla ulteriormente, sia nella grafia che nel lessico. A un certo punto, il modo in cui la LSC veniva posta in pratica ha finito per coincidere con la LSU precedente e precedentemente rifiutata, in quanto troppo logudoresizzante. Contro tutti gli accordi presi in commissione si stava procedendo alla standardizzazione del lessico e, naturalmente, con l’esclusione sistematica delle parole meridionali. Non sono quindi io ad aver cambiato idea, ma è la LSC che a un certo punto è stata trasformata il LSU. Errore gravissimo, visto che questo ha significato nient’altro che arrivare allo scontro frontale con i Sardi del meridione, cioè la stragrande maggioranza dei Sardi. Corongiu e Corraine coltivavano l’illusione dichiarata di riuscire ad imporre la LSC come standard anche al sud. Siamo ai confini della follia: senza mandato politico e senza consenso popolare si è cercato di forzare l’interpretazione della LSC ben oltre gli accordi presi in commissione. Ora, dopo la “sperimentazione” effettuata in diversi paesi del meridione pare che abbiano accettato la realtà. Malgrado i toni trionfalistici è chiaro che la LSC è stata usata finora in modo marginale e anche molto “ammoddiada”. In pratica, quello che è risultato da questa sperimentazione è che soltanto rinunciando all’idea stessa di avere una norma ortografica, sono riusciti–e solo in parte–a usare la denominazione LSC. Ripeto: denominazione. Perché nella pratica hanno usato un’altra ortografia non normalizzata. E questo anche in altre situazioni, come a Nuoro. La sperimentazione è chiaramente fallita: basta vedere come scrive la redazione di Limba Sarda 2.0 da qualche settimana a questa parte. È anarchia ortografica. In pratica si sono arresi. Ora, questa è una strada possibile, già intrapresa in Corsica. Basta darle un nome altisonante e si salva la faccia. In Corsica l’hanno chiamata “polinomia”. In questo modo si accontenterebbero anche gli estremisti “campidanesi” che una loro norma se la sono data. Forse è questa la strada che Corongiu vuole seguire. L’altra strada possibile è quella di adottare una grafia studiata per permettere varie pronunce e magari adottando alcune soluzioni grafiche doppie (lingua/limba; fillu/figiu) che riguardano alcune parole. Bastano poche ore di corso di “realfabetizzazione” per capire come si passa da una grafia standard alla pronuncia nel proprio dialetto. Ma Corongiu, malgrado sappia che questa cosa funziona, non ha mai voluto sperimentarla. Penso per non far ingelosire Corraine. Secondo me, quindi, la strada da seguire è quella di emendare leggermente la LSC, dandole però un altro nome, visto che l’attuale è associato alle persone di Corongiu e Corraine, non molto amati in cabu de jossu. Quello che il governo regionale potrebbe fare a questo punto è bandire una specie di referendum sulle tre proposte presenti: 1) il doppio standard; 2) l’anarchia ortografica, ora denominata LSC; 3) l’ortografia unitaria con libertà di pronuncia e di lessico.”

La sintesi di Pinna è la seguente:

ROBERTO BOLOGNESI, LINGUISTA E TRADUTTORE.

La Lsc ha permesso ai sardi di abituarsi all’idea di una lingua ufficiale. Bene. Però va emendata. Era chiaro da subito che non sarebbe mai stata accettata al Sud. Invece si è tentata anche una standardizzazione (a base “settentrionale”) del lessico. Giungendo allo scontro frontale. Ora, dopo anni di cosiddetta “sperimentazione”, non c’è più neanche un’ortografia normalizzata: basta vedere come scrive la redazione di “Limba Sarda 2.0”. È una strada possibile: in Corsica l’hanno chiamata “polinomia”. Accontenterebbe gli estremisti “campidanesi” che una loro norma se la sono data. L’altra strada possibile è quella di adottare una grafia che permetta varie pronunce, accettando soluzioni doppie per alcune parole:

 

fillu/figiu o lingua/limba.

 

La Regione potrebbe bandire un referendum.”

Ita scriet Corraine in Limba Sarda 2.0, sa Pravda de is corraineddos? http://salimbasarda.net/politica-linguistica/corraine-blasco-colonialista-bolognesi-mitomane/

“Finas un’àteru pessonàgiu, Roberto Bolognesi, chi s’at semper atribuidu tìtulos acadèmicos, at postu su pàrrere suo in su matessi artìculu de sa US, mustrende sa natura bera sua de pessonàgiu astròlicu e sena cabu.

Bolognesi est famadu ca no at mai tentu coerèntzia in contu de limba, at semper cambiadu idea in sos annos (bastis de afirmare s’ego maniacale e mitòmane suo), proponende semper solutziones istrambòtigas e miraculìsticas: dae propònnere, a sa prima, su baroniesu comente modellu istandard, a, como, su casteddàrgiu; dae pònnere sa firma in sa LSU e pustis in sa LSC, finas a torrare a sa passione sua, sa binomia logudoresu/campidanesu, cunforma a su modellu de sa “polinomia” a sa corsicana, in pràtica sas duas “limbas” de Blasco.”

Kie at propostu de scrier limba lingua in Aristanis: “Inue est su probblema?”?

Cussu strolicu de Bolognesi o cussu faulantzu de Corraine?

“Sa LSC podet èssere imperada sena duda peruna, fintzas in su Campidanu e in su Sulcis: craru chi serbit alfabetizatzione e tempos, ma no est una faina impossìbile. Sa diretzione giusta sunt sas propostas de emendamentos chi at fatu Diegu Corraine in Aristanis. Una diretzione chi bolet ammanniada.”

E inue est accabbada sa norma de sa LSC?

Mi’!: “Bella pregunta! Naro de presse chi in Italia, e sa Sardigna fait parti de s’Italia, pro immoe, sa pressione fiscale e su prètziu de su traballu, po chie no ddu scit, est de su 70-75% e tènnere istantàrgia una sienda est costosu meda: movende de custu e pighende in consideru su chi est prevididu pro su servìtziu de portellitu, is chi traballant cun noos, pro 40 oras de traballos a sa chida pigant € 400,00 a sa mano, duncas in unu mese est € 1.600,00, in prus cussu chi podent pigare pro sa formatzione, craramente aunde ddoe est sa cumpetèntzia: in d’unu mese arribamus a 1800,00 – 1.900,00 euros. A custu puntu sa pregunta da fatzo deo: est megius guadangiare custas tzifras o abarrare crocadu in su letu e a si chesciare contra a chie traballat, murrungende e ispainende fàulas? In su 2013 portamus 37 bustas pagas: custu est su risultadu chi contat. Si totu custu est a isfrutare is operadores, comente narant is mandrones e fintzas calencuno polìticu cun olieras mannas…beh bollu essi su primu a èssere isfrutadu. Est a traballare e no a si chesciare: isceti di aici arribant is risultados.”

 http://salimbasarda.net/politica-linguistica/sarigu-bertula-antiga-eja-a-sisperimentatzione-de-sa-lsc-in-campidanu/

Custa est sa LSC  “ammoddiada”  e “polinomica”.

E Corraine immoe narat ca s’idea est sa mia.

Corraine est ke cussos pipieddos unu pagu tontos ki su tupant is ogros e si creent ca nemos prus ddos biet.

Ma is corraineddos sunt prus tontos ancora, ca a su mancu a Corraine ddu faent tzitadinu onorariu de Onanì.

 

 

 

One Comment to “Ma a Corraine ddu leghent sceti is corraineddos ki non leghent átera cosa?”

  1. Nci at lìnguas chi bivint gràtzias a una norma chi ponnit in contu duas e fintzas tres bessidas…
    Ma chi sigheus aici su sardu dd’aciapaus bellu che mortu!
    Adiosu.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: