Cara Assessore Firinu, lei deve scegliere e sceglierà

046

Non si scappa, Assessore!

Bisogna scegliere.

E non usi come pretesto la guerrriglia verbale che stiamo conducendo in queste settimane nella rete.

Questi scontri ritualizzati fanno parte della tradizione non violenta del movimento linguistico sardo.

Oltre le parole non si va.

Lei deve scegliere e se deciderà, pilatescamente, di non scegliere, passerà ugualmente alla storia.

Lo dica anche al presidente Pigliaru.

Si tratta di scegliere tra tre soluzioni per l´ufficializzazione del sardo e la sua introduzione nella scuola.

La prima è quella reazionaria rappresentata da Blasco Ferrer: fermare la storia nel punto che piace a lui, alla suddivisione del sardo inventata da Wagner, linguista retrogrado già ai suoi tempi.

La suddivisione del sardo in “campidanese”  e “logudorese” è politicamente e culturalmente reazionaria. Ci riporta indietro agli anni bui della linguistica delle caverne.

I lavoro miei e , prima, di Contini hanno falsificato questa suddivisione.

Né la Storia né la linguistica si sono fermate per fare un piacere a Blasco.

Nella Storia è entrata anche la LSC,  se di Storia vogliamo parlare, e non se ne può più prescindere.

La LSC esiste e fa parte della realtà dei Sardi, nel bene e nel male.

Nel bene e nel male, appunto.

Allora, anche rispetto alla LSC bisogna scegliere.

Se la LSC va bene abbastanza–come dice Corraine–la si lascia così come è, cioè si ritorna a quella LSU già bocciata dalla storia.

Se, come dico io e tanta altra gente, la LSC va bene, ma non abbastanza, la si corregge e la si migliora.

Lasci pure perdere tutte le fesserie che mi si attribuiscono in questi giorni: fanno parte del gioco.

Allora la scelta che lei deve fare è tra tre opzioni: tornare indietro, stare fermi o andare avanti.

Se lei ritiene che la LSC vada bene così come è, nella versione corrainese, si fermi pure e se ne assuma tutte le responsabilità.

Se ritiene che vada migliorata, si studi le diverse possibilità.

Ma non pensi di lasciare la patata bollente a un’altra commissione di “esperti”, messa insieme per rappresentare tutti e nessuno e non arrivare a niente.

Tenga presente che la LSC è nata per una precisa volontà politica di Renato Soru, altrimenti non si sarebbe arrivati da nessuna parte.

Se decidesse di formare una commissione, con il compito di migliorare la LSC, questa dovrebbe essere composta esclusivamente  da persone che vogliono questi miglioramenti.

Sarebbe perfettamente idiota ripetere gli errori del passato e infilare in una tale commissione persone che non vogliono l’unificazione del sardo o non vogliono modificare la LSC.

Queste sono le scelte che lei ha di fronte.

Ma può anche decidere, come Ponzio Pilato, di non scegliere.

Veda lei.

 

4 Comments to “Cara Assessore Firinu, lei deve scegliere e sceglierà”

  1. Est a non nci fuiri, Assessora!
    Tocat a sceberai.
    E non pighit a scusi sa batalla a fueddus chi seus fadendi in custas cidas in s’arretza.
    Custus scontròrius fatus a ritu funt de su connotu masedu de su movimentu linguìsticu sardu.
    Foras de is fueddus non si andat a in antis.
    Fustei depit sceberai, e chi mai at a decidi, a sa trassa de Pilau, de non sceberai, at a passai a sa stòria a su matessi.
    Nerit-ddu finas a presidenti Pigliaru.
    Sa chistioni est ca tocat de sceberai, de tres a una, po fai ufitziali su sardu e po ddu fai intrai in sa scola.
    Sa prima est cussa reatzionària chi dd’arrapresentat Blasco Ferrer: aturai sa stòria anca parrit e praxit a cussu, a sa spartzidura de su sardu chi Wagner, linguista legu giai a is tempus suus, at imbentau.
    Sa spartzidura de su sardu in“campidanesu” e “logudoresu” est reatzionària segundu sa polìtica e segundu sa cultura.
    Si nci torrat a tragai acoa me in is annus scurius de sa linguìstica de is arutas.
    Is traballus mius e, a in antis, is de Contini ant ammostau su farsu de custa spartzidura.
    Nì sa Stòria nì sa linguìstica si funt firmadas po fai unu praxeri a Blasco.
    In sa Storia est intrada finas sa LSC, chi de Stòria boleus chistionai, e non fait prus a non dda carculai.
    Sa LSC nci est e fait parti de sa realidadi de is Sardus, in su beni e in su mali.
    In su beni e in su mali, apuntu.
    Insandus, finas avatu a sa LSC tocat a sceberai.
    Chi sa LSC andat bastanti beni–a su nai de Corraine–tocat a dda lassai aici etotu comenti est, est a nai torraus a cussa LSU giai scrocorigada de sa stòria.
    Chi, comenti nau deu e una surra de atra genti, sa LSC andat beni, ma non bastanti, tocat a dda fai curregida e prus bona.
    Lessit a perdi totu is scimpròrius chi mi narant in custas diis: faint parti de su giogu.
    Insandus su sceberu chi fustei depit fai est de tres sceberus a unu: torrai acoa, abarrai firmus o tocai a in antis.
    Chi fustei creit ca sa LSC andat beni aici comenti est, a sa moda corrainesa, aturisì puru e pigassì totu sa responsabilidadi.
    Chi creit ca tocat a dda fai mellus, pongiassì a studiai totu is possibilidadis.
    E chi non ddi bèngiat a conca de lassai su chi pìtziat a un’atra cummissionis de “espertus”, posta impari po arrapresentai totus e nemus e sena de imbati in logu perunu!
    Tèngiat in contu ca sa LSC est nàscia po boluntadi polìtica crara de Renato Soru, sinuncas non fiaus imbàtius in logu perunu.
    E chi mai decidit de formai una cummissioni, cun s’incàrrigu de fai mellus sa LSC, custa iat a depi essi fata sceti de genti chi bolit custas milliorias.
    Iat a essi de scimprus a torrai a fai is faddinas de su passau e a fichiri in una cummissioni aici genti chi non bolit a auniri su sardu e non bolint a mudai sa LSC.
    Custus funt is sceberus chi funt ananti sua.
    Ma podit finas decidi, che a Ponzio Pilato, de non sceberai.
    At a biri fustei.
    ——
    Chi non ddu cumprendit in italianu si ddu naraus in sardu!🙂

  2. Si veda le voci Sardo e Dialetti sardi nell’Enciclopedia Treccani on line. Perfettamente complementari a questo suo intervento.

  3. È saltato il cognome: Lorinczi

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: