Sa realtade parallela de is corraineddos

013

Arisero apo tentu una discussione assurda cun una pariga de amigos corraineddos in Facebook.

Est craru ca issos bivent in una realtade parallela a sa nostra.

Una realtade inue sa LSC est su standard de su sardu, unu standard atzedadu dae totus, foras de me e un’átera pariga de persones, inue non esistint áteras propostas, una realtade inue Corraine e Corongiu non contant faulas e totu su ki serbit est a eliminare una pariga de inimigos de su sardu.

A dolu mannu issoro, sa LSC non est su standard de su sardu: torrade a bosi abbaidare sa delibbera. Sa cummissione non at aprovadu su standard de su sardu e sa politica prus pagu.

S’unicu de sa cummissione ki narat ki sa LSC est su standard est Corraine, ma issu sa LSC aprovada dae sa cummissione non dda rispetat.

Non ddoe est stada mai una delibbera de sa giunta–e prus pagu ancora una votatzione de su consigiu regionale–ki apat cambiadu su status de sa LSC.

S’unica cosa ki est sutzedia est ki un’impiegadu regionale s’est fatu cumbincher dae Corraine a narrer ki sa LSC est su standard.

Ma sa LSC dda bolent in cabu de jossu?

Bastat a si legher su ki nant is de Sa bertula antiga pro bier ki non est berus nudda.

Sa LSC–interpretada dae Corraine pro dda furriare a LSU–at acabbadu de partzire is Sardos in “bonos” e “malos”.

Non dd’ant imperada pro aunire, ma pro partzire.

Ant tentu sete annos de paxe pro dda faer connoscher e stimare in cabu de josso e ita ant fatu?

Nde dd’ant stesiada ancora de prus dae su sardu meridionale, non ant spiegadu mai ki fiat sceti una manera de scrier e ki sa pronuntzia fiat libbera: non sunt bonos a ddu spiegare e non bi creent. Non ant spiegadu mai comente si podíat possare dae scritu a sa pronuntzia o dae sa pronuntzia a su scritu.

Corraine ki faeddat immoe de “pronuntzia libbera” est sa barzelleta prus manna de is urtimos dexe annos: at semper nadu e fatu su contrariu.

Immoe schit ki sa LSC non tenet benidore e chircat de narrer su ki deo naro dae semper, ma non bolet faer nudda pro faer sa LSC prus fatzile a atzetare in cabu de josso e agiudare su passagiu dae sa grafia a sa pronuntzia.

E sa cosa est peus puru: siguit a scrier in LSU!

E tando a custos amigos ddos naro: si est berus ki s’unicu probblema pro su standard seo deo e un’atera pariga de “mitomanes”, de ita bosi preocupades?

“Le magnifiche sorti e progressive” de sa LSU bosi abetant.

Andate e moltiplicatevi!

Si est berus ki seis aici cumbintos de aer conkistadu sa majoría de is Sardos, lassade-nosi perder: sa Storia bosi at a donare arresone.

 

Ah, mi’!

http://www.youreporter.it/video_Su_sindigu_nou_de_Santu_Aingiu_Carlo_Tomasi

9 Comments to “Sa realtade parallela de is corraineddos”

  1. A quanto pare ci vuole anche una lingua italiana comune per capirsi. http://www.regionesardegna.it/documenti/1_73_20080624205809.pdf è un documento del 2008, dove si dice: “La Giunta regionale, il 9 maggio 2005 con Deliberazione n. 20/15, ha stabilito di adottare un codice linguistico, identificato con l’ausilio di una Commissione scientifica a questo scopo nominata, per l’uso scritto in uscita di alcuni atti dell’Amministrazione regionale e per la traduzione di norme e documenti particolarmente importanti e significativi.”

    “La deliberazione approvava la L.S.C. o Limba Sarda Comuna e le relative norme linguistiche di riferimento per la traduzione di norme e di atti dell’Amministrazione regionale in uscita e di atti normativi e documenti particolarmente importanti e significativi.”

    Si dice anche altro, ovviamente, ma è innegabile che la delibera c’è. Se non corrispondeva a verità, andava denunciato allora. Non nel 2014 inoltrato e soltanto perché è cambiato il vento.

    • A quanto pare la lingua italiana comune non basta: nei passaggi che cita, né in qualsiasi altro passaggio della delibera, si parla di “standard”, né esplicitamente, né implicitamente. Infatti se la LSC fosse lo standard del sardo, non si specificherebbe che il suo uso è limitato a “la traduzione di norme e di atti dell’Amministrazione regionale in uscita e di atti normativi e documenti particolarmente importanti e significativi” e non si lascerebbe libero chiunque altro di scivere come gli pare. Quanto a quelklo che dice un impiegato regionale, se permette: “Chissenefrega”!

  2. Aggiungo: “La Giunta regionale della Sardegna con una recente deliberazione del 18 aprile 2006 ha adottato una norma standard ufficiale per la lingua sarda con il nome di «Limba Sarda Comuna». La decisione del governo di centro-
    sinistra dell’isola mediterranea, presa di concerto tra il presidente Renato Soru e l’assessore della Pubblica Istruzione Elisabetta Pilia, ha chiuso un lungo, aspro e dibattuto processo di standardizzazione cominciato all’indomani dell’approvazione delle”. (da LIMBA SARDA COMUNA: PRIMA STORIA, SPIRITO POLITICO
    E FORMA FUTURA, di Giuseppe Corongiu, Consulente Attività Linguistiche, Regione Autonoma Sardegna, in Revista de Llengua i Dret, n. 46, 2006, in rete). Carta canta.

  3. Sulla delibera possiamo essere più o meno d’accordo, sulla domanda per i finanziamenti, allo stato (colonialista, ma i soldi non hanno odore! vero?), molto meno. Quanto all’impiegato regionale, chi sarebbe? Giuseppe Corongiu? Ma non era un suo grande fan? Anzi, lo eravate reciprocamente. Come cambiano i tempi.. E con quale rapidità … Strepitoso assisterci! Basta avere salute e pazienza. Cose che le auguro sinceramente.

  4. L’insostenibile leggerezza dell’inconsistenza. La capisco.

  5. Roberto, s’àtera die no as faeddadu cun duos “corraineddos” ma cun megus e cun un’àteru amigu e amus iscritu su chi pensamus a pitzu de unos cantos argumentos. Deo no iscrio de te comente “S’olandesu boladore” in su sentidu de pessone perdida in sos mares e chi no agatat mai una meta pretzisa. “Est craru chi bivent in una realtade parallela a sa nostra” iscries. Bene, s’agetivu nostra a chie est riferidu no l’isco, si a unu grupu chi la pensat che a tie o si si tratat de unu plurale maiestatis. Naradu custu, cheria torrare a faeddare de LSC comente istandard. Si su riferimentu chi faghet Marinella Lorinczi a sa delibera de sa Giunta est beru, e lu est, ite cheret nàrrere in sa sustàntzia e cale est istadu su messàgiu implitzitu chi at imbiadu sa Giunta a sos sardos? Inoghe tenides una forma de sardu iscritu chi sa RAS adotat e pensamus chi si l’adotat s’autoridade polìtica sarda de magiore gradu, si podet cunsiderare comente limba istandard, o nessi unu bonu comintzu. E sos chi cherimus su sardu limba ufitziale in domo nostra, dae custu devimus comintzare. Saludos corales

    • Salude Giagu, apo simplificadu e si t’apo ofesu, ti pedo scusa.
      Torramus a sa LSC: non est unu standard–bastat a si castiare sa delibbera– ma podet esser un’incumentzu. Su ki naro deo dae annos. Deo apo propostu unos cantos emendamentos ki, a parrer miu, dda faent prus fatzile a pronuntziare in maneras diferentes e, duncas, prus fatzile a atzetare dae prus gente. Non mi paret de aer fatu una proposta scandulosa.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: