Emendamenti alla Limba Sarda Comuna (2)

008

In questo post propongo gli emendamenti che invierò, protocollati, all’Assessore Firinu e al Presidente Pigliaru.

Gli emendamenti li accompagnerò con i quattro libri che ne costituiscono la base teorica: The Phology of Capmidanian Sardinian, Atti del Convegno del Gruppu po sa lingua sarda, Sardegna fra tante lingue, Le identità linguistiche dei Sardi.

A questo punto, invito non solo e non tanto i sostenitori della LSC–i quali si schiereranno per motivi vari ed eventuali a favore o contro gli emendamenti–ma soprattutto gli attivisti a favore del sardo meridionale a confrontare la LSC emendata alle Arregulas.

Mi sembra chiaro che con la mia proposta, non si tratti più di scegliere tra varietà del sardo, ma tra sistemi ortografici: uno scopiazzato da quello pesudofonetico dell’italiano–che comunque non corrisponde ad alcuna varietà veramente parlata del sardo–e un sistema ortografico leggermente più astratto, ma che permette di scrivere ugualmente tutti i dialetti meridionali.

In questi giorni che seguono presenterò le regole di pronuncia che permettono di passare dalla LSC a vari dialetti locali.

 

P.S. il blog non mi permette di usare i simboli IPA, non tutti.

Appena possibile pubblicherò la versione PDF del documento.

 

1 2 3 4
Grafia Pronuncia centrosettentrionale Pronuncia meridionale normascrittaLimbaSardaComuna
b- [bɔɛ]  [bɔi] In posizione iniziale di parola la lettera B indica la plosiva bilabiale sonora: boe, binu,bacca
-bb- bab:u] [bab:u]  In posizione intervocalica la doppia B indica la plosiva bilabiale sonora:

babbu, pubblicu, libbru

-b- [saBa] [saBa] In posizione intervocalica la B scempia indica la fricativa bilabiale sonora: saba, abe, cuba
Emendamento 1: la soluzione adottata dalla RAS prevede un uso incostante della doppia BB, cosa che ne rende molto problematica sia la grafia sia la pronuncia. Si propone perciò di adottare la doppia BB soltanto per indicare la plosiva intervocalica e la B scempia soltanto per la fricativa intervocalica.

 

ch+vocalefrontale (E/I) [kelu] [tSelu] chelu, chida
Emendamento 2: l’adozione della doppia pronuncia del nesso CH (una velare, grosso modo settentrionale: [k]; e una palatale, grosso modo meridionale: [tS]) rende necessario adottare un’altra convenzione grafica per indicare le velari condivise da (quasi) tutte le varietà anche davanti alle vocali frontali (es.: [k]istione/[k]istioni). La soluzione potrebbe essere l’uso della lettera K – ormai ben conosciuta da tutti i parlanti – oppure l’adozione di una grafia etimologica, come avviene in spagnolo e francese (es.: quistione). Questa seconda soluzione avrebbe il vantaggio di essere parallela all’adozione della grafia GU, per le velari sonore condivise, ma lo svantaggio di assomigliare alla grafia italiana. Cosa che comporterebbe un vago rischio di distorcimento della pronuncia.

 

-g- [loɣu] [loɣu] logu
Emendamento 3: la lettera X costituisce un elemento fortemente identitario per i parlanti meridionali. È presente in molti toponimi e in molti cognomi. Adottarla al posto del nesso GH davanti alle vocali frontali, servirebbe a rendere più facilmente accettabile lo standard grafico alla maggioranza dei Sardi (es. paxe). Per i parlanti settentrionali l’adozione di questa convenzione comporterebbe soltanto dover imparare a pronunciare la X come fricativa velare sonora ([paɣɛ]). I parlanti meridionali pronuncerebbero la stessa parola come [paZi]. Questa soluzione scontenterebbe entrambi i gruppi il meno possibile: entrambi i gruppi dovrebbero imparare a pronunciare una lettera in modo diverso dalla pronuncia italiana.

 

 

-ng- + vocale palatale [praNgɛɾɛ] [praɲdʒi] prangher
Emendamento 4: la E finale dei verbi della seconda coniugazione è paragogica e non va rappresentata. Oltretutto l’eliminazione della E finale permette di eliminare l’accento sull’antepenultima sillaba e rende più agevole la pronuncia meridionale.

Inoltre: il nesso GH si pronuncia con la velare al settentrione, ma con la palatale nel meridione.

r- [ramu] [arramu] ramu
La pronuncia meridionale ([arramu]), senza la rappresentazione grafica della prostesi della [a] deve essere compensata dalla coerente esclusione della [i] prostetica in parole come SCALA, ecc. Entrambe le pronunce sono dovute a regole sincroniche che fanno parte della competenza linguistica dei parlanti e se si esclude quella meridionale dalla grafia, altrettanto va fatto con la regola settentrionale. Quindi si propone di scrivere SCALA, e non ISCALA.

 

-bb- [ab:a] [akwa] acua (abba)
Emendamento 5: la grafia ABBA, derivata dal latino AQUA, non rispetta l’etimologia della parola, quindi va rifiutata. Se dovesse risultare una questione importante per l’ identità per i parlanti settentrionale, si può adottare una doppia grafia (ABBA/ACUA). Si tratta in ogni caso di poche parole e per i parlanti settentrionali si tratterebbe soltanto di applicare la stessa regola che ha portato da ACUA a ABBA.

 

sc- [iskɔla] [skɔla] scola
Emendamento 6: come per le parole che cominciano in latino con R, si deve adottare la grafia etimologica. Non esiste alcun motivo logico per trattare le forme settentrionali in modo differente da quelle meridionali. Quindi si propone la grafia SPIGA.
sp- [ispiɣa] [spiɣa] spiga
Emendamento 6: come per le parole che cominciano in latino con R, si deve adottare la grafia etimologica. Non esiste alcun motivo logico per trattare le forme settentrionali in modo differente da quelle meridionali. Quindi si propone la grafia SPIGA.
st- [istaɾe] [stai] stare
Emendamento 6: come per le parole che cominciano in latino con R, si deve adottare la grafia etimologica. Non esiste alcun motivo logico per trattare le forme settentrionali in modo differente da quelle meridionali. Quindi si propone la grafia STARE.

 

-ngu- [limba] [liNgwa] lingua (limba)
Emendamento 5: la grafia LIMBA non rispetta l’etimologia della parola, quindi va rifiutata. Se dovesse risultare una questione importante per l’ identità per i parlanti settentrionale, si può adottare una doppia grafia (LINGUA/LIMBA). Si tratta in ogni caso di poche parole e per i parlanti settentrionali si tratterebbe soltanto di applicare la stessa regola che ha portato da LINGUA a LIMBA.

 

l+yod [fidʒu] [fillu] fìgiu/fillu
Emendamento 7: dato che si tratta di pochissime parole che in latino mostravano il nesso L + Y, e dato che questo nesso si è evoluto in modo completamente differente nelle varietà meridionali, ripsetto a quelle settentrionali, si propone di adottare la doppia grafia.

 

12 Comments to “Emendamenti alla Limba Sarda Comuna (2)”

  1. (…)

  2. calincuna cunsideratzioni:
    – sa B+cunsonanti po mei no serbit a dda radopiai,
    – sa solutzioni de diferentziai “ch” (de ligi a sa spanniola in su sud e a s’italiana in su norti) e “k” (po mei de preferri a “qu”) est bona e ùtili meda!
    – giustu no scriri ni “ar”+R ni “i”+SC/SP/ST,
    – giustu meda acetai is duas formas comenti sinònimus candu no càmbiat sceti sa vocali ma fintzas sa cunsonanti (fillu/fìgiu, acua/abba, lìngua/limba),
    – ùrtima cosa ma po mei fundamentali: po fai acetai de acostai su chi si podit acostai, depeus acetai de lassai diferenti su chi no si podit acostai. is verbus tenint modus, tempus e personas chi funt vàrius medas e chi no est possibili ligi “a sa campidanesa” partendi de sa LSC. duncas po mei si iat a depi fai su cumprumissu de acetai, in is verbus, sa forma “logudoresa” e sa forma “campidanesa” po totus is modus, is tempus e is personas (comenti po is artìculus e is pronòminis).

    • Sa quistione de is verbos est e abarrat unu casinu mannu: non esistit unu paradigma (sistema) ki andet prus atesu de una pariga de dialetos. Cale sceberas? Cun s’una o cun s’átera abarrat unu casinu.
      Sa quistione de sa B + cunsonante non dd’apo cumpresa

  3. bolemu nai ca seu de acòrdiu a scriri “babbu” cun duas B, perou in “libru” e “pùblicu” po mei ndi bastat una, ca raddopiai sa B ananti de sa cunsonanti ddu biu “superfluo”. comuncas custas funt pibinchesas, craru. is propustas chi fais mi parint bonas po lompi a una solutzioni cundivìdia de norti a sud.

    perou sa cosa de importu mannu po mei est sa de is verbus: comenti naras, est unu casinu mannu. pròpiu po custu, po mei, chi si prevedessint duas formas (una “setentrionali” e una “meridionali”) po dònnia modu e tempu, donniunu iat a podi scerai sa forma prus acanta a sa sua. in spanniolu, po esèmpiu, ddoi funt duas formas po su cungiuntivu passau. certu, deu seu propunendi de ddas ponni in dònnia modu e tempu, ma a sa fini aundi est su problema? iat a essi una richesa, comenti sa dòpia forma in artìculus e pronòminis. e, in s’interis, iat a essi meda prus acetàbili sa propusta de grafia ùnica chi fais po sustantivus (cun is pagus ecetzionis chi naras) e agetivus.

    tocat a tenni flessibilidade e po mei custa iat a essi sa mellus solutzione. iat a essi fintzas unu cumprumissu acetàbile cun is chi fintzas a oe funt stètiu po sa dòpia norma: ponni sa dòpia forma po artìculos, pronòmines e verbos e agatai una forma comuna de scriri sustantivos, agetivos, ecc.

  4. Una cosa no mi praxet. No creu ki siat difitzile po is cabesusesos a nai Arrosa Arrita Arruga ecc. o po cussus de basciu a nai Ispanu Iscola Ispiga ecc. In pagu tempus s’imparada. Deu emma a ponni totu as duas carateristicas. De ki no assimbillat meda a s’italianu e custas cosas tipicas de su sardu ant a ispadessi. Deu no seu nudda,ma si ddu nau po prexei, tenarin-di contu, Gratzias.

  5. Ite nde pentzades de ponner sa “j” imbetzes ca “gi” o sa “g” in faeddos ke a “gente/zente”, “giustu/zustu”, ecc.? Diat esser prus “intuitivu” pro kie pronùntziat “z” (cabesusu) a tenner a nanti una lìtera imbetzes ca duas pro impreare sa pronùntzia sua. Est naturale ca, in custa ipòtesi, diat esser pretzisu a nde leare sa règula de sa “j” a intro de duas cunsonantes. Est una tontesa sa ki apo nadu?

  6. Uhmm… *ZAE e *GIAI iant a torrai *JAI? tantu puru JENTE (Ca s’iat a depi podi ligi *GENTI e *ZENTE) e diaci sighendi…no?
    Po su chi funt is prostesis…o si bogant (cumenti narat su Professori) o si lassant a totus! Est giai craru ca no si podit lassai sa “I” prostetica a sa moda logudoresa (mancai dda acataus in logus de su Camp. puru) e bogai sa “ARR” a manera meridionali…
    Sa “E” o sa “I” po is acabus de fueddu? Po custu serbint arregulas craras…sa “E” po totucantus e sa “I” feti po is fueddus chi acabint a *ERI? Insaras scrieus *CANE *LUXE etc. perou *FERRERI *FUSTERI etc.
    Is cunsonantis allobas? LaNa SaRDa BoNa (Candu serbit feti) Tandu *ABBA e *BABBU.
    Fueddus prenus? No ddu sciu, Prof. Bolognesi narat ca eja…mancai genti meda…

    Un esempru de testu scritu? Cumenti s’iata podi bortai custu?…???

    “Si biant de atesu totu cussus coloreddus de sa bestimenta sarda; arrubiu, nieddu e arbu. Magomadas e Bosa, pariant comenti in domu isoru allirgus e prexiaus in d-una dii de soli; Totu normali po sa trumixedda nosta, fora de totu chi festis in Berlinu! Aici etotu, atobiaus in su “Literaturhaus” palatziu storicu de sa literadura e sa curtura de Berlinu, sa truma de ballu bosincu cun su concordu de Magomadas nosi ant prexiau cun s’urtima dii, de is tres passaus in sa Capitali tedesca po sa “I.T.B.” (Tasca Internatzionali de su Turismu). Torrendi gratzia a sa Meria de Aristanis, e cun sa presentzia de Sa Mertzei su Sindigu de Magomadas, Alessandro Naitana e tambeni de s’Assessori a su Turismu de Bosa Vincenzo Pinna, acumpangiaus de su paesanu suu; Concu Marco Mannu, Presidenti de su Cunsortziu Turisticu de Bosa, e chena de si orbidai de su Colonnellu Luciano Sechi, autori intra de is tantas poesias e cantzonis cosa sua, de su famau Innu de sa Brigada Tatari, Dimonios! Eus cumentzau s’eventu; Alexandra Porcu, comenti Presidenta de su Tzirculu Sardu de Berlinu e.V., at tentiu sa stima manna e su prexiu de allegai po sa presentada de s’atobiu: “Sardinien – Seine Sprache und seine Geschmackswelten” (Sardinnia – Sa Lingua, e sa Manera de Tastai sua). S’eventu, pensau po sa promovidura turistica de sa regioni storicu geografica de sa Planargia est stetiu diaberu beni arrangiau, bella meda sa performance de sa sinniorichedda Faby Contini de sa truma de ballu, sa pipia de 14 annus feti, nosi at prexiau sonendi de manera etzelenti s’organetu, comovidoris is interventus de su Col. Sechi, sempiri prontu a si lassai is istrioris in su coru in donnia mamentu, cun is cantadas e cun is fueddus. No minoredda est stetia sa presentzia tedesca; in primis de su Professori stimau Guido Mensching, catedraticu de Filologia Romanica de sa Freie Universität Berlin, protagonista tambeni de unu cambiu de liburus cun su Col. Sechi.
    Is tradutzionis funt stetias traballadas po Janina Vahl, praticanti de segreteria in su Tzirculu Sardu de Berlinu e.V., e po dda serrai in bona, binu Malvasia de Bosa e durcixeddus planarginus po totucantus.

    De F.L.

  7. Mi est bènnida una duda, a pizu de sa règula “gue/ghe”… Fatzo unu assempru luego: si depo iscrier “faguer” (mancari in d’unu istandard ideale su verbu zustu diat esser “faer” pro totus, ma est zustu unu assempru), ddu depo ponner s’atzentu in sa “a”? Ca puite “gu” est unu sonu ibia e apo pentzadu ki est possìbile si depat tratare ke a una lìtera ibia.

  8. Diat esser possibile puru iscrìere sas vocales cun una diacritica pro fagher sa diferentzia intre sa “e” settentrionale e sa “i” meriodionale, e sa matessi cosa pro sa “o” e sa “u”, pro es. ;

    – Meridionalė (aici si podet leghere comente meriodionale o meridionali) ; oė, natzionalė, luxė (lughe, luche, luxi, luxe), paxė (paghe, pa’e, pache, paxi, paxe)
    – Beni béniōs (beni benius)

    Pro sa “i” prostetica matessi cosa, pro es. īschirė – iskire/sciri. Aici sa grafia inditat chi si pòdet pronuntziare sa “i” o nono.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: