Il sardo è una lingua, ma i sardi non lo capiscono

La Corte di Cassazione ha dato ragione a Doddore: aveva diritto a usare il sardo.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/12/12/sardo-lingua-lecito-richiedere-interprete-in-ogni-procedimento/1270438/

Quanti sardi fanno uso di questo diritto?

Che io sappia, in tutti questi anni Doddore Meloni è stato il secondo a farne richiesta.

A 17 anni dalla legge regionale 26/97 e a 15 da quella 482/99, dello stato, i sardi non hanno ancora superato il trauma della dialettizzazione della loro lingua.

La stragrande maggioranza dei sardi ha accettato che la loro lingua venisse relegata in un ghetto sempre più ristretto: quello della famiglia e della cerchia di amici, ma ormai neanche in famiglia si usa quasi più.

Quasi nessuno insegna il sardo ai figli.

Al di fuori di un giro ristretto di professionisti della lingua, praticamente nessuno usa il sardo in pubblico

Ma le cose stanno molto peggio di così.

Provate a rivolgervi in sardo a uno sconosciuto, per strada o in un negozio e vedete quello che succede.

Vedrete immediatamente il disagio della persona apostrofata, il suo sforzo di capire il perché della vostra iniziativa bizzarra (“NON CONOSCE L’ITALIANO?”. “CREDE CHE IO SIA COSÌ IGNORANTE DA NON CONOSCERE L’ITALIANO?”), annuirà esageratamente alle vostre parole e poi vi risponderà poi in un italiano ostentato.

Almeno a me questo succede regolarmente.

Qualcuno ha deciso che usare il sardo con gli sconosciuti è da maleducati.

Usarlo con una donna, poi, è poco meno volgare che darle una pacca sul culo.

Poco importa chi abbia deciso di sanzionare questa patologia mentale come inviolabile regola pragmatica, sociale.

Quello che conta è che praticamente nessuno si ribella e la pazzia introdotta dalla merdosissima borghesia coloniale sarda continua a imperversare.

Eppure basterebbe poco.

Basterebbero che almeno quelle centinaia di persone che leggono i miei articoli si rifiutassero di obbedire alla pazzia altrui.

Basterebbe che alcune centinaia di persone si rivolgessero in sardo a tutti.

Nel giro di pochi mesi, in Sardegna, tutti saprebbero che esistono dei maleducati che ti si rivolgono in sardo per strada, nei negozi.

Ancora qualche mese e nessuno ci farebbe più caso.

Ancora un po’ e sarebbe normale che qualcuno ti parli in sardo, anche se non ti conosce.

Far tornare il sardo a essere una lingua normale non costerebbe niente, se non un po’ di imbarazzo, all’inizio.

Queste cose le dico da anni, ma ancora non ho visto risultati.

Si, ma allora poi non prendetevela con gli altri, se il sardo si estingue e si riduce a un ammasso di ruderi da venerare con nostalgia, da studiare come una lingua morta, come–appunto–avviene già adesso nelle università italiane di Sardegna.

6 Comments to “Il sardo è una lingua, ma i sardi non lo capiscono”

  1. Beh! Ettando! Proitte no cominzamus dai como! In hoke ettottu?
    Jeo ja so prontu!
    E, torrande a faeddare de Doddore Melone (su sambenadu creo ki siet “Melone” e no cussu continentalizadu ki l’ant postu i’ s’anagraffe) itte keret narrere? Beh, forzis ki Doddore est su prus SARDU de tottucantos nois?
    Jeo creo ki siet proppriu gai! UNU SALUDU AFFORTE A “DODDORE MELONE”, dae mene e dae tottu sos SARDOS ki kerent faeddare in Sardu!
    Pro nos contare (proppriu in custu “locu”), Doddore est istadu su primu; Bolognesu su secundu; mikkelj tzoroddu su ‘e tres ….
    Istamu a bider cantos binde enint!
    mikkelj

  2. O Mikkelj! Su sardu cosa tuu est stetiu scomunigau de is predis e de is paras de missa chi cantant is litanias de sa lingua sarda.
    Comenti ti permittis a ponniri totus cussas doppias? No t’indi parrit bregungia?
    E pustis, castia … scrammenta de is scrammentaus!
    Deu hapu cumenzau a respundiri in sardu a su telefuninu e scis ite m’est accuntessiu?
    Hapu depiu cambiai su profilu de su telefoninu chi mi giaiat unu tantu a minudu de cunversazioni candu mi zerriànt is aturus. Immoi no mi zerriat prus nemus.
    Duncas, si tui ses su de tres, deu seu s’urtimu.

    S. A. (Scrittu Agoa): cuddu fruttu chi si pappat in s’istadiali e si segat a fittas longas, in italianu si zerriat “melone” in sardu campidanesu “meloni”. Aici est, sempri chi su campidanesu siat sardu, si cumprendit.

  3. He, he! O Frà, de goi però as bell’e perdidu!
    Soe faeddande de S A N B E N A D U ! O muttilu peri “apellìu. Tue mi ses bettande in mesu una cosa ki est fiza de una pianta! Mira ki de custu securu nde sò! In Orotteddi b’aiat unu viccariu ki li muttiamus NONNU MELONE! E su sambenadu suo furriadu in continentalesu fit MELONI ! Ki naras: ma forzis (comente naras tue) su maurreddinu no est sardu?
    Pestantu abbarramus galu in tres.
    mikkelj

  4. “Melone” in logu de “Meloni. Mha! ……… . Eppuru in bidda sua ddu tzerriant “Doddori Maõi” (sa “o” e sa “i” puru sonada a carighedda sena sa “n”, bai e circa po ita est chi ddi scrinti “Meloni” ).

  5. Oh Marcu! Azzidente! In sa idda sua lu muttint Maõi? Beh, b’est su tantu de intender sos mastros!
    Qussos ki istudiant sa limba! A cominzare dae su mere ‘e domo! Itte nde naras?
    mikkelj
    I.A- iscusa pro esser lompidu goi a tardu.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: