Se Repubblica dice che Aru è sardo, vuol dire che non è vero

aru

“Nel giorno più duro del Giro, il sardo si riprende dalle difficoltà dei giorni precedenti andando a conquistare una vittoria straordinaria. Il secondo posto della classifica generale è di nuovo suo, mentre Contador tiene saldamente la maglia rosa.”

http://www.repubblica.it/sport/ciclismo/2015/05/29/news/cervinia_aru_contador_landa-115581728/?ref=HRERO-1

Io e lo sport non andiamo d’accordo, ma il punto non è questo.

Il punto è che Aru è uno, e conta per uno.

Io non mi sento rappresentato da Fabio Aru, più di quanto non mi senta rappresentato da quel pezzo di merda che ha ammazzato Gianluca Monni.

Aru non rappresenta i sardi più di quanto quel pezzo di merda che ha ammazzato la donna filippina–era filippina, eh, ma questo non conta, eh!–non rappresenti i rom.

Come fanno i sardi–eterni perdenti–a sentirsi rappresentati da uno che vince?

Aru vince per conto suo, perché ha avuto la fortuna di avere un talento eccezionale.

Noi cosa c’entriamo?

Così come non c’entriamo niente nell’assassinio di Orune: né noi, né –se vogliamo nessere più precisi–i barbaricini.

Aru è un’individuo e il ciclismo non è il calcio: dietro di lui non c’è la Sardegna.

Le sue vittorie sono le sue, non le nostre.

Fatevi pure tutte le pulighe mentali che volete, ma mentre Aru vince, la Sardegna rimane il buco del culo dell stato italiano.

Chi ci rappresenta, oggi, è Pigliaru–così tenero con gli italiani, che si taglia con un grissino–e prima di lui Ugo M.

Ci rappresentano perché sono stati eletti, sono espressione della volontà dei sardi.

Aru è sardo solo perché ci fa comodo identificarci con lui.

Per il resto–per quanto ne so–è sardo come lo sono ormai la maggioranza dei sardi: perché lo dice l’anagrafe.

Essere sardo–se non fai niente che ti dia un’identità sarda–non vuole dire niente.

A meno di non voler definire i sardi su basi genetiche.

No, dico: torniamo a Lombroso?

Aru corre forse in nome della Sardegna?

Forse per usare la sua popolarità per porre i problemi della Sardegna sotto i riflettori dei media?

Non mi risulta.

Aru corre per se stesso.

Vince per se stesso.

Po caridadi!

Io non lo condanno per questo, ma che cazzo c’entra la Sardegna?

Aru–ma, se è per quello, praticamente tutto lo sport–rappresenta quegli individui per cui è più importante prevalere sugli altri che collaborare con gli altri.

Aru vince e la Sardegna perde.

Nella migliore delle ipotesi, queste cose non hanno niente a che fare l’una con l’altra.

Nella peggiore, la Sardegna perde perché gente con il talento di Aru–che non può essere limitato alle gambe–pensa solo a se stessa.

Aru vince e solo Aru, no?

Comunque, noi sardi dobbiamo ringraziare i rom e gli immigrati, perché pochi decenni fa, giornali come Repubblica riservavano l’aggettivo “sardo” ai sequestratori e ai rapinatori.

Il razzismo italiano ha trovato altri bersagli.

2 Comments to “Se Repubblica dice che Aru è sardo, vuol dire che non è vero”

  1. Beh…b’at fintzas chie si gosat sas impresas de Fabio petzi pro more chi est amantiosu de su tziclismu. E su fatu chi issu siat sardu li faghet intèndere prus bia e prus a curtzu, una disciplina isportiva chi belle nemos cagat fintzas a cando, comente naras tue, unu sardu non bi reventet a lis mantènnere su passu a sos prus fortes. Tenet petzi bintibator annos, unu talentu umanu e isportivu illacanadu e tzertu chi cando binchet binchet pro issu o forsis pro s’amoradedda, ma non mi paret egoista pro nudda. No nche li carrighemus responsabilidades chi no at petzi pro more chi nos agradat semper a nch’ammisturare milli putènias ideològicas e nche torramus cada cosa, bona o mala chi siat, semper a su matessi malune.
    Piga·ti a mie, pro nàrrere, ite sas ballas pensas chi mi nd’afutat de totu custos machines?
    Deo mi fatzo bìndighi mìgia chilòmetros a s’annu o barda in bitzicleta, ca so apassionadu mannu e, pro su chi potzo chirco de mi mantènnere in salude. E cando nche bido unu pitzinneddu, corregionale o mancu, essende a puntu in susu a una mèdia de trintaghimbe/trintoto km a s’ora, beh…un’agigu de emotzione mi la dat. Ma petzi cussu…Cumprendo sas resones tuas ca in parte las potzo cumpartzire, ma possìbile est chi cada eventu de importu siat ocasione, pro tene, pro nch’iscarrigare àteros cuintales de ledàmene subra su giai martoriadu pòpulu de cunterràneos tuos? Est una pregonta retòrica, Robe’, non ti pighes infadu a mi rispòndere, ca sa risposta la connosco giai!
    Cun s’amighèntzia de semper.
    Maurìtziu Sale Buinu

  2. Lettura davvero interessante. Posso segnalarti anche le finali di “Venator Fighting Championship – Guerrieri Italiani”, il primo grande torneo nazionale di MMA (Mixed Martial Arts)? Le finali vanno in onda in esclusiva su Fox Sports 2 HD lunedì 1° giugno alle ore 21.00 con la telecronaca di Alex Dandi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: