NON HO NULLA CONTRO CRISTIANA COLLU

11807274_10206262558996728_6957145556553016989_o

Visto il successo del mio articolo di ieri, ci tengo a precisare che l’articolo non è su di lei, Cristiana Collu, ma su quelli che si sono entusiasmati per i suoi successi, solo per il fatto che lei sarebbe sarda.
Cristiana Collu non la conosco, mi interessa pochissimo l’arte moderna, che raramente apprezzo–ma se è per questo, l’arte in generale, con poche eccezioni–ma non mi provoca certo simpatia il fatto che la dottoressa Collu accetti come complimento che un italiano le dica “Se lei ha resistito 14 anni in Barbagia, beh, allora lei è in grado di affrontare…”
Diversi fan della dottoressa mi hanno informato sulle sue capacità e io stesso riconosco che l’impressione che ho ricevuto dal video che ho visto sia quella di una donna capace e risoluta, ma in un campo che francamente non mi interessa, anche perché ci si diverte molto a giocare con le parole per attribuire importanza a cose la cui importanza non appare.
Insomma, della dottoressa Collu non potrebbe importarmene di meno.
Tutto il mio discorso mira soltanto a mettere in discussione l’idea diffusa che per essere sardi basti essere nati in Sardegna e/o avere un cognome sardo.
Pro totu s’áteru: arrangiade-bosi!

Non mi sento responsabile delle vostre interpretazioni.

2 Comments to “NON HO NULLA CONTRO CRISTIANA COLLU”

  1. Concordo in tutto. Dev’essere sicuramente una persona preparata nel suo campo.
    Tuttavia si rimane male quando un sardo ( anagraficamente ) difronte agli italiani dice Nuòro o Màcomer, o peggio difronte a giornalisti della rai sinistra italocentrica.
    E poi resistere 14 anni nella barbagia folkloristica.
    Si può andare in lungo e in largo a 360 gradi.
    Così è per i dipendenti pubblici sardi che protestano alla regione, insegnanti e guardie.
    Rispetto, e anche solidarietà, per la tutela del posto di lavoro e del trattamento economico.
    Ma stona fare tutti i giorni gli italiani ( politica e cultura ) e voler essere come loro, equiparati a loro in tutto, comprese le funzioni, per poi un giorno solo, e solo per i propri interessi, per quanto legittimi, voler essere tutelati in quanto sardi.
    Mi chiedo se non sia il caso di non proferir parola, come tutti o quasi tutti, specie se non si hanno motivazioni personali fortissime.
    E stare inerti difronte al solito procedere: la cultura autocoloniale italiota e il malessere pastorale delle “zone interne”.
    E che vuol dire? E le zone “esterne” come la mia? Stanno forse meglio?
    Un continuo abbaiare per se stessi, anche in barba agli altri sardi.
    Ottiene qualcosa chi abbaia più forte ( se ha sponsor ).
    Mai la sardegna tutta intera.
    E’ pericoloso.
    Salvo che non sia quella del folklore che piace agli italiani e, purtroppo, anche a quasi tutti i sardi.
    Cuncordo totu cun su chi iscries e cun su chi as istudiadu.
    Ma no est fatzile, naro pro me, chistionare in su zassu informaticu pro totu sos chi legene chene aer nudda cun niuna persone o categoria.
    Tocat de istare mudos comente aggiomai totu.
    Custu semus in sardigna, non cumbenit a faeddare.
    A narrer sas cosas comente sunu, no a frier aria comente naras tue.

  2. Istimadu Roberto,

    Mi frimmo in custa frase chi as iscritu, importante meda: “Tutto il mio discorso mira soltanto a mettere in discussione l’idea diffusa che per essere sardi basti essere nati in Sardegna e/o avere un cognome sardo.”

    Sende in ferias, nde fia faeddende apena cun unu fedale meu de custu tema. Isse aiat nadu una cosa comente la penso deo: “Si sa limba sarda si perdet, si che morit sa ratza.” Bastat de ammentare sas peraulas de unu poete mannu (Frantziscu Masala, abisumeu):

    A unu pòpulu li podes leare totu,
    Ma si li lassas sa limba
    Custu pòpulu sighit a esìstere

    A unu pòpulu li podes lassare totu
    Ma si li leas sa limba
    Custu pòpulu no esistit pius.

    Ermosura de rimas, chi la nárana totu. Sa limba est sa jae de una curtura. Chentza sa limba no si cumprèndene e no “s’intèndene” pius ne sa poesia, ne sa música, ne sos áteros elementos de una curtura. E tando, si no bi ses pius “aintro de sa curtura sarda”, comente faghes a narrer chi ses sardu?

    Ispero chi cumprendedas su “sutzu”, su significadu de sas peraulas postas inoghe. Ispero chi cumprendedas chi sa limba chi m’ana dadu sos mannos mios e bostros est una prenda, chi cavacat una curtura de mizas de annos, chi est una cosa de mantènnere, no de lassare.

    Lassade sa polìtiga a un’ala, si cherimus faeddare de ispera pro su benidore de sa limba, ca a die de oe est sa ch’est. Pius importante est partire dae bois e totu, a iscobèrrere e a mantènnere sos balores de sa limba nostra. Su chi bi cheret est sa cuscenscia de custos balores. Su sardu est una richesa, no unu pesaloru. E, in pius, sa divessidade curturale agiuat a s’aberrer a su mundu e a isvilupare una sotziedade, a la fagher dìstìnghere dae áteras. Una cosa de importu mannu.

    Unu saludu mannu

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: