Chi parla di “stato sardo” e non parla di Qatar

1627

“Ci si rende conto che l’immissione così  forte di capitali da parte di un fondo sovrano, quindi di un paese straniero, è un sistema per condizionare la politica e le scelte economiche del paese ricevente? Investire in cultura, istruzione e sanità è una modalità di esercitare un softpower per ottenere consenso su altre scelte, quindi, cosa vuole il Qatar? Il Piano Paesaggistico Regionale fa parte dello scambio? La rinuncia al Galsi e la prevista costruzione di rigassificatori è in relazione con gli investimenti catarini? […] Nel caso della Sardegna quali sono i reali costi e i benefici? Visto che la giunta Pigliaru ha più volte dichiarato che vuole operare scelte in piena trasparenza, questo è il momento per cominciare.” (http://www.sardegnasoprattutto.com/archives/3106)

A che gioco stanno giocando i nostri “sovranisti”?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: