La guerra, i morti, le bugie

f16

La mia vicina di Col di Lana era ferocemente antiamericana.

Mica perché suo marito era visceralmente comunista.

Macché, aveva i suoi motivi.

Era “a servizio” a Cagliari nel 1943 e aveva visto i caccia americani mitragliare i bambini con i grembiulini bianchi che scappavano dall´asilo.

“Ho visto il cervello di quei bambini attaccato ai muri!”

Non voglio credere che gli americani abbiano mitragliato quei bambini perché erano bambini.

Voglio credere che, volando a 300 km all´ora, dall´alto, abbiano pensato che quelle macchie bianche fossero marinai, militari nemici, insomma.

Crederlo mi consola: http://gruppodinterventogiuridicoweb.com/2013/02/13/cagliari-1943/

Ma perché gli alleati bombardavano Cagliari?

Ah, mi chiedo quanti sardi lo sappiano.

Io lo so dalla televisione olandese … o era quella inglese?

Vedi, sapere le lingue!

Bombardavano la Sardegna, perché volevano sbarcare in Sicilia.

Non capite?

Allora pensate a quello che sta succedendo in questi giorni in Siria.

Pensate davvero che vi stiano raccontando la verità?

Da qualunque parte vi arrivino le informazioni, eh!

Tipo le armi di distruzione di massa di Saddam Hussein–ve le ricordate?– o  le vittime dei bombardamenti francesi a Raqqa.

Il piano degli alleati era di sbarcare in Sicilia.

Così hanno pensato bene di far credere agli italiani e ai tedeschi che avessero intenzione di sbarcare in Sardegna.

Hanno preso il cadavere di un suicida gallese, gli hanno riempito le tasche di documenti “segretissimi” e l´hanno imbarcato su un sommergibile, che l´ha buttato in mare davanti alle coste spagnole.

Nelle tasche del cadavere, c´erano i piani per lo sbarco in Sardegna:

The invasion was assisted by some subterfuge. In April 1943, a month before the Allied victory in North Africa, German agents recovered the body of a British Royal Marine pilot from the waters off a Spanish beach. Documents in an attaché case handcuffed to the officer’s wrist provided a goldmine of intelligence about the Allies’ secret plans, and German agents quickly sent the documents up the chain of command where they soon reached German leader Adolf Hitler (1889-1945). Hitler studied the captured plans carefully, and, taking full advantage of their top-secret details, directed his troops and ships to reinforce the islands of Sardinia and Corsica, west of Italy, against an impending Allied invasion. There was only one problem: The recovered body–which was not a Royal Marine but actually a homeless man from Wales who had committed suicide–and its documents, were an elaborate British diversion called Operation Mincemeat. By the time Hitler redirected his troops in the summer of 1943, a massive Allied invasion force was sailing to Sicily.

(http://www.history.com/topics/world-war-ii/invasion-of-sicily)

Insomma, quei bambini di Cagliari e tutti gli altri sardi ammazzati dai bombardamenti alleati sono morti soltanto per far credere a Hitler e Mussolini che gli alleati sarebbero sbarcati al Poetto.

Adesso il mio amico Nicolò denuncia le bufale che girano nel web sulle morti che i francesi avrebbero causato bombardando Ar Raqqa.

Anche io ho postato una di quelle bufale, precisando che non era una foto dei bombardamenti francesi, ma che rendeva l´idea.

Perché, cari tutti i Nicolò, quando si bombarda una città, muoiono soprattutto civili e muoiono tanti bambini.

Come a Cagliari nel 1943.

E in guerra muore per prima la verità.

Non sapremo mai quanti bambini stanno ammazzando i francesi.

Né quanti ne hanno già ammazzato i russi.

Sappiamo solo che tanti civili e tanti bambini stanno morendo.

Lo sbarco inaspettato in Sicilia valeva la vita di quei bambini di Cagliari o il braccio del mio vicino di campagna, che l´ha perso, ragazzino, durante il bombardamento di Gonnos Fanadiga?

La vita di quei civili e bambini siriani vale una vittoria?

Vittoria? Questa non è una guerra contro uno stato, con un governo ufficiale che, una volta rovesciato, può essere sostituito da un`altro più ragionevole.

Ammesso che questo funzioni: vedi l`Iraq.

La guerra della Francia non è quella contro ISIS, ma contro l`emarginazione dei francesi di serie C, i belgi, i tedeschi, gli olandesi e ormai anche gli italiani di serie C.

Sono poveracci fuori di testa provenienti dai ghetti europei ad ammazzarci.

Ammazzare civili e bambini–con o senza fotografia–in Siria non aiuta a vincere la vera guerra: quella contro la discriminazione degli immigrati e dei loro figli.

Quella discriminazione che crea i fuori di testa.

Questi bombardamenti francesi in Siria, un giorno dopo le stragi di Parigi, sono come l`invasione dell´Iraq.

Servono solo a non far prendere troppi voti a Marina Le Pen.

Ma intanto muoiono civili e bambini–con o senza fotografia–come a Cagliari nel 1943.

Muoino soltanto per  rendere le menzogne dei potenti più credibili.

 

 

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: