Cristiani e bestie

christking

Io non ho niente contro il cristianesimo in se.

Anzi, sono rimasto perfino un po’ cristiano: “Ama il prossimo tuo come te stesso”.

Bellissimo!

Non più di te stesso: come te stesso!

Perché, se non ami te stesso, come cazzo fai ad amare gli altri?

O piciocus, l’uomo che ha detto questo era uno dei nostri!

Sono anche rimasto un bel po’ comunista.

Il comunismo non funziona?

Non può funzionare?

Rimane però un’utopia bellissima.

E naturalmente non ho mai mollato del tutto l’anarchismo: il primo amore non si scorda mai.

E col passare degli anni ho scoperto che anche il liberalismo non è tutta merda: anzi!

Soprattutto se lo vedi con gli occhi di uno che in fondo non ha mai smesso di essere anarchico.

E il nazionalismo?

Cazzo!

Quando fai parte di un popolo che rischia di scomparire, scopri che il nazionalismo non è solo fascismo, aggressione.

Dicevamo: ama il prossimo tuo come te stesso.

Come te stesso, eh!

Non più di te stesso, po prexeri!

Il problema non sono le ideologie.

Il problema sono le persone che si identificano con un’idelogia.

Una sola.

Solo quella.

Una per tutti e tutti per quella.

Nel cristianesimo si sono identificate persone bellissime e i pezzi di merda più grandi che la storia abbia conosciuto.

E questo vale anche per tutte le altre ideologie che ho nominato.

Gramsci e Stalin, ambos communistas, pro narrer.

Ma, in questi giorni, sono i cristiani che stanno rompendo i coglioni più degli altri.

Io ho ancora molta più paura dei cristiani che dei musulmani, perché la probabilità che io sia vittima dell’integralismo cristiano è ancora molte volte più grande.

Basta vedere quello che succede in questi giorni in Italia.

Ho una fifa nera di tornare a una società in cui tutti–tutti meno pochissimi–sono cristiani.

Una società non molto diversa da quella che vuole l’IS o da quella già esistente in Arabia Saudita.

Quella società esisteva ancora, ma solo in parte, quando ero bambino, ragazzino.

Non ti bruciavano più sul rogo, ma il resto lo facevano ancora.

Io: “Sei una bestia!

Gianni, il vicino: “No! Adesso sono battezzato!”

Gianni era figlio di un comunista eretico che, diversamente dagli opportunisti del PCI, non aveva fatto battezzare i suoi figli.

Io–exscusatio non petita, accusatio manifesta, non c’entra una minca–non ne sapevo niente, ma tutto il quartiere (Col di Lana) aveva messo talmente “sotto pressione” i tre ragazzini che, alla fine, i genitori si erano arresi e li avevano lasciati battezzare da una coppia di democristiani per bene.

In quegli anni, la parola “cristiano” era sinonimo di “persona”, “essere umano”, e contrapposta ad “animale”.

I non cristiani erano “non umani”: vi ricorda qualcosa di attuale?

Chissà da dove viene.

Erano gli anni in cui noi ragazzini dovevamo cantare: “Christus vincit, Christus regnat, Christus, Christus, iiiimperat!”

Altro che Dio è amore.

Cristo Re!

Quando i cristiani sono in minoranza sembrano perfino persone normali.

Lo stesso vale per i comunisti, gli anarchici, i liberali, i nazionalisti.

Il problema non è il cristianesimo e meno che mai il Natale.

Il problema sono quelle persone che usano le ideologie per conquistare il potere.

Detto questo: i cristiani hanno ucciso molti più cristiani (eretici) di quanti–ormai si può dire–ne abbiano ucciso o potrebbero ucciderne i musulmani.

Per non parlare dei milioni e milioni di miscredenti ammazzati in tutto il mondo dai cristiani.

Questi di IS in confronto sono dei dilettanti.

“Christus vincit, Christus regnat, Christus, Christus, iiiimperat!”

Questo film l’ho già visto e non voglio più vederlo.

Il film dell’IS ha poche probabilità di essere proiettato dalle nostre parti.

E Parigi?

E Piazza Fontana?

E i Marò?

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: