Non è colpa di Pigliaru

pigliaru

Se bastasse avere un cognome che termina in U per essere sardi, oggi la Sardegna avrebbe un grado di indipendenza pari a quello della Catalogna.

Invece, abbiamo un presidente con il cognome che termina in U, ma la cui sardità finisce lì.

Ún presidente eletto dal 20% dei sardi, perché il 48%  ha scelto di non votare. Eletto senza lode e senza infamia, passerà alla storia (dai, si fa per dire) senza lode.

Ma anche senza infamia, perché è chiaro che Pigliaru rappresenta i sardi come sono e non come noi vorremmo che fossero e i sardi che sopravviveranno all’estinzione della lingua, non saranno diversi da lui.

Quella maggioranza di sardi che pensano che a renderti sardo sia quella U che ti conclude il cognome o altrimenti il Tirreno.

O bere birra Ichnusa.

Il sardo si estinguerà assieme alla mia generazione, l’ultima che l’ha appreso come L1.

Quello che sopravviverà saranno i brandelli di “neosardo”, quello che già domina nei pochi scritti “in sardo” su Facebook.

Insomma: un italiano con qualche parola sarda e tante U a chiudere le parole italiane, buono per qualche barzelletta e per le parolacce.

Ma la colpa non è di Pigliaru.

Né tantomeno dell’Assessora Firino.

A proposito, deve essere evaporata: chi l’ha più vista?

Sa curpa, amigos bellos e stimados, sa curpa est de cussos qui su sardu ddu faeddant bene ancora, ma non dd’imperant que lingua normale: in donni situatzione e cun donni persone.

Deo sa proposta dd’apo  fata già in su 2008: http://gianfrancopintore.blogspot.nl/2008/09/sa-vindita-de-tziu-paddori.html

Prrr, su molente!

Nudda, non est sutzessu nudda.

E tando est inutile a si dda leare cun Pigliaru e cun Firino.

Si is qui su sardu ddu faeddant non tenent butones bastantes pro si ponner a ddu faeddare foras de su giru de is parentes e de is amigos, su sardu si nch’at a morrer.

Su de ddu faer imparare in sa scola podet serbire sceti a nche ddu furriare a una spetzia de latinu o de irlandesu in Irlanda.

Una lingua morta, si foras de sa scolas nemos dd’imperat.

E tando lassamus-ddu stare a Pigliaru, qui est fende su doveriu suo: agiudare a is italianos a ddu sperdere su sardu.

Pro cussu dd’ant postu innias e cussu issu est fende.

Eleghidu democraticamente dae su 20%  de is sardos.

Pigliaru est sardu can su sambenadu suo acabbat in U.

E cussu est su qui andat bene a is sardos.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: