Il procuratore Saieva e l’odio contro i barbaricini

museo-lombroso

“I barbaricini hanno avuto istinto predatorio, tratto tipico della loro mentalità”.

Il link contenente questa vergognosa dichiarazione lo trovate qui: http://www.sanatzione.eu/2016/01/procuratore-di-cagliari-cultura-barbaricina-ha-avuto-istinto-predatorio/

Tutto controllato: la trovate effettivamente a pag. 10 della dichiarazione del procuratore di Cagliari, il dott. Roberto Saieva, all’inaugurazione dell’anno giudiziario.

Il dott. Saieva è un italiano.

Italiani? Brava gente!

Anche Lombroso era italiano, italiano come il dott. Saieva.

Brava gente.

Ma io sono sardo–erba mala–con istinto predatorio.

Non sono barbaricino, ma non occorre essere gabilli per avere l’istinto predatorio.

Solo un coglione, disperatamente coglione, può pensare che “l’istinto predatorio” sia tipico dei barbaricini.

Disperatamente coglione e disperatamente ignorante.

Solo un coglione–disperatamente coglione–può pensare che tutti i barbaricini abbiano l’istinto predatorio.

Chi generalizza in questo modo è un razzista e un razzista coglione.

Disperatamente coglione e disperatamente razzista.

Razzista e ignorante, perché se una cosa viene da un istinto allora è innata e non dipende quindi da ciò che uno pensa–altrimenti non sarebbe un istinto–e non c’entra quindi nulla con la mentalità: frutto, questa, della cultura.

Lombroso era un pezzo di merda razzista, ma almeno era coerente: se una cosa è innata, allora si può generalizzare su tutto un popolo che condivida certi geni.

Se una cosa è frutto della mentalità–ma che cazzo sarebbe mai la “mentalità”?–allora è frutto della cultura e trovameli due individui con la stessa cultura!

Come si fa a generalizzare sulla “mentalità” degli abitanti di una regione?

Io non ho mai incontrato due barbaricini che avessero la stessa “mentalità”.

Voi?

Razzista fuori tempo massimo, oltretutto, visto che nemmeno Salvini–un pensatore volutamente poco raffinato–si appella a istinti e/o a qualità innate per motivare il suo odio, ma, seguendo la moda, a differenze culturali, ottemperando, quindi, alle tendenze neorazziste successive alla sconfitta del nazismo e del razzismo classico.

Odio.

Questa dichiarazione è solo frutto dell’odio verso i barbaricini, ma anche verso gli altri sardi.

 

8 Comments to “Il procuratore Saieva e l’odio contro i barbaricini”

  1. Per i savoia: Sardi = Banditi – per la giustizia italiana Indipendentisti = Terroristi.
    Quel pensiero comune di non lontana memoria, Sardo UGUALE BANDITO. MARCHIO INDELEBILE di insegnamento sabaudo, forzosamente impresso sulla pelle dei Sardi.
    http://mario-wwwmarioflorecom.blogspot.it/2015/05/per-i-savoia-sardi-banditi-per-la.html

  2. Quello che ritengo gravissimo è che un giudice, così importante, abbia potuto esprimere pubblicamente un giudizio così discriminatorio nei confronti di una popolazione locale.
    Come potrà mai essere equilibrato il giudizio di una corte con un giudice di tal specie?
    Qualsiasi barbaricino sarà costretto a chiedere la ricusazione del processo per evidenti pregiudizi della corte.
    Sembra assurdo ma soltanto Roland Freisler, quale giudice penalista nazista, era stato capace di formulare tesi simili, tanto da farsi odiare dall’establishment tedesco al potere per il suo fanatismo.
    Per quanto rigurda il “nostro” Saieva mi aspetto una presa di posizione chiara e forte della nostra avvocatura locale, perché sentir dire certe cose ci sta facendo rivivere le discriminazioni razziali di nazista memoria.

  3. Ohi, ohi, ohi!
    Custos sardikeddos no’ sunt carculados dai nemos! Azzidente però mi! E comente diaulu ades a fakere a k’essire dae sa penthuma uve bokke sedes istikkidos dae vois ettottu!
    Pranghendebbos a susu pro cada troddiedda iscutta dae zente innorante de s’istoria ostra?
    Istoria ki de zertu vois nobbila connoskides nemmancu!
    Siscuros a bois “sardikeddos”, ca bos aggradat de abbarrare gai: kena deris, kena oje e kena cras puru!
    Vaze e abbaidade custu locu, ca gai k’essides dae su dormire ostru ki bos est okkiende: http://www.sanatzione.eu/2016/01/procuratore-di-cagliari-cultura-barbaricina-ha-avuto-istinto-predatorio/
    mikkelj

  4. C’è una petizione da firmare per destituirlo se volete

  5. Deo non cumprendo ite ispantu bi at in su chi naran e pensan sos Saieva, sos Rossis, e ateros polentones. Ite bi agatades de istranu?, sun sas normales espressiones de sos chi rappresentan unu populu colonitzadore in sos cunfrontos de chie si an postu suta ‘e pese. Lu faghian sos inglesos e ispanos pro sos nadios americanos, sos euopeos chi an invasu s’Africa, e ateros. Nois semus unu populu chi at fatu su seberu de abarrare suta de un’ateru istadu, semus neghende sa limba a fizos nostros pro chi imparen sa limba “nobile” de sos meres, amus abbratzadu modos e cultura issoro, dispretziende su chi nos aian lassadu sos mannos nostros, no ch’an bogadu s’istoria nostra dae sas iscolas ca s’italiana est prus de importu e ..podimus sighire in ateras cosas. Inoghe b’at de si detzidere, o altziamus sa conca si unu pagu de fieresa antiga nos est restada, si no, conca bascia, juale in tujiu e bucca serrada.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: