I coglioni sono i sardi che non sanno leggere le parole non scritte

pigliaru

“E’ agevole la considerazione che nella esecuzione di questi delitti si sia principalmente trasfuso l’istinto predatorio (tipico della mentalità barbaricina) che stava alla base dei sequestri di persona a scopo di estorsione, crimine che sembrerebbe ormai scomparso”.

Sull’Ugnone è apparsa la nota dell’autore, quella che leva ogni dubbio sulla corretta interpretazione del testo promanato dal Dott. Roberto Saieva: «Era evidente il riferimento non alla mentalità dei cittadini, ma alle condotte e alle dinamiche della criminalità barbaricina».

Era evidente, eh!

Tonti noi che non sappiamo leggere ciò che è evidente, benché non sia scritto: http://www.procuragenerale.cagliari.it/%5Cnews.aspx?id=10825

Si noti anche come l’intervistatore incalzi il Procuratore Generale nell’intervista dell’Ugnone.

Spietati questi giornalisti dell’Ugnone.

Almeno quanto il nostro amato Presidente Pigliaru.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: