Codi-amo(ci) la salute

1625

Come si dice: “non c’è limite al peggio.”

Prima di scrivere questo post–dopo aver ricevuto il documento in questione, sono andato a fumarmi un sigaro, accompagnato da un bicchierino di Porto LBV (po prexeri).

Roba da meditare.

“Si segnala l’iniziativa «Codi-amo», volta alla promozione e al potenziamento del pensiero computazionale degli studenti.”

Si tratta del seguente concorso: http://www.programmailfuturo.it/progetto/concorso

Non sono riuscito a ridere e ancora non rido.

È evidente che “La Dirigente Simonetta Bonu” non si rende conto di quello che succederà nelle scuole sarde quando “Codi-amo”  sarà proposto agli studenti.

Malgrado la U alla fine del suo cognome la signora Bonu non conosce neanche la parola forse più importante del sardo e propone tranquillamente agli studenti il suo “Codi-amo”.

No!

Qui c’è poco da ridere.

La borghesia coloniale sarda è arrivata a questo punto.

Io non rido per niente.

 

3 Comments to “Codi-amo(ci) la salute”

  1. Il titolo del progetto non è stato dato in Sardegna, ma a livello nazionale: era meglio rinunciare perché non piaceva il nome?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: