Testamento

1770

Non sono di quelli che perdono molto tempo a guardarsi indietro.

Cerco sempre di guardare avanti e, soprattutto, di guardarmi intorno.

E quello che vedo attorno a me non mi piace, ma siccome da mesi non faccio altro, questa volta vi risparmio, a voi pochissimi lettori rimasti, la mia ennesima tirata contro questi beccamorti del sardo appollaiati tra Viale Trento e Viale Trieste.

Ho ripensato a quello che ho fatto in questi decenni–mi son guardato indietro–e ho concluso che rifarei esattamente le stesse cose, compresi gli errori, perché se non corri rischi–in politica e nella vita–sei condannato a non fare mai nulla.

I rischi che ho accettato in questi anni sono stati quelli di fidarmi di persone false e cattive.

Ho perso la scommessa, ma l’alternativa sarebbe stata non fare nulla.

Quello che ho fatto–assieme ad altri–è servito a qualcosa?

È servito a poco, molto poco.

Infatti non sono il solo a sentirmi così: gli amici/compagni di questi anni si sentono anche loro così.

Eppure non mi sento deluso.

Sconfitto sì, ma non deluso, perché la nostra è una guerra e le guerre si possono vincere, ma solo se le combatti.

Siamo stati sconfitti.

Le guerre si possono anche perdere.

Il sardo è più moribondo che mai.

Dietro di noi sono venuti dei giovani di buona volontà che stanno ci provando.

Faccio il tifo per loro, ma dalla tribuna.

In orabonas!

Siccome sono giovani e i giovani sono per definizione “foolish” (tontatzus) stanno anche ripetendo parecchi degli errori commessi dalla mia generazione, soprattutto quello di non studiarsi le cose che abbiamo già detto.

Ma adesso tocca a loro e a me tocca di tirarmi da parte.

Uno, perché è chiaro che, se le cose non vanno, bisogna cambiare approccio e io non sono più in grado di vederne un’altro: invecchiare comporta anche questo.

Ripeto: rifarei tutto da capo.

Due, perché, dopo tanti anni passati a rompere i coglioni, voglio anche dedicarmi a cose che mettono allegria.

Non che non lo facessi già, ma non voglio chiudere tirandomi dietro la fama di vecchio inacidito.

E poi, con la vita–le vite–che ho fatto devo pensare anche ad arrotondare la poca pensione che mi aspetta.

Insomma, i miei progetti per il futuro consistono nel mettermi a guadagnare un po’ di soldi rendendo allegra la gente.

La bellezza non ci salverà, ma almeno permette di tenere la schiena dritta.

Advertisements

2 Comments to “Testamento”

  1. applausi per Tziu Robertu.

  2. Caro Roberto, sa becesa est legia, naràt mama mia ! Deu puru tengu is pensamentus che a tui, chi, a pustis de una vida batallendi po su sardu, pagu o nudda funt stetius is arresultaus. Certu, tui e deu eus scrabutzinaus medas bortas, teneus ideas no paris po s’amparu de su sardu. Deu apu preguntau de m’arregalai sa “Lingua sarda” de su Wagner a mamai mia chi tenemu 14 annus, no nci apu cumprendiu nudda, ma giai tenemu stima po sa lingua nosta mancai no fiat po mei lingua de bratzolu: sa lingua “tzia” dda tzerriu deu, poita dda intendemu sceti candu una tzia de mama, Tzia Margherita, chi no iat tentu fillus e fiat po mei sa iaia bera, crastulàt in sardu cun mama. E deu a pipiu ascurtamu, e mi praxiat meda cussa lingua, chi cumprendemu pagu, ma chi fiat po mei sa lingua de su coru. Deu po tui seu s’esemplu craru de su “sardinniolu perfetu”. Po mei, tui ddu ses, poita deu no tengu nisciuna brigungia de essi sardu, (e casteddaiu pruschetotu), ma no tengu brigungia de essi italianu puru. No mi praxit su natzionalismu italianu, po mei Garibaldi, Cavour e Vitoriu Emanueli fiant criminalis de gherra, ma no mi praxit nimancu su natzionalismu sardu. Odiu calisisiat natzionalismu. Ma tengu stima po sa patria mia, apu studiau meda sa cultura sua, apu cumprendiu chi est una cultura manna, ma est una cultura plurilingua poita aici s’at fatu sa storia. E apu cumprendiu puru chi in custa Italia ghetada a pari, is sardus no funt cuddus postus peus. Is meridionalis funt prus poberus, tenint sa mafia, no tenint s’arrespetu e sa selenidadi in sa vida de dogna di de sa maioria de is biddas sardas (foras de is biddas de su ex amigu tuu Corraine, inui bocint unu piciochedu de 18 annus a sa firmada de s’autobus, a mengianu, e nisciunu at biu nudda). Su dadu sociologicu chi mi donat su prus pensamentu in Sardinnia no est s’abandonu scolasticus (chi in Sardinnia is maistus funt serius, no cumenti in Calabria, chi si pagas podis diventai puru Nobel), ma su dadu de is suicidius: unu de is prus artus de s’Italia, medas prus artu de cuddu de is napulitanus, chi problemas ndi tenint prus de nosu. Custu est unu problema chi podit essi economicu ma culturali puru. Sissinnioras, nosu seus una natzioni, una de is natzionis de su Stadu Italianu (e funt medas), ma, sigumenti no teneus una lingua comuna (sa storia !!!), seus inniorantis puru de totu sa cultura nosta, chi est plurilingua. Teneus una cultura prus antiga meda de sa cultura classica italiana, poita sa cultura preistorica e protostorica de is sardus est prus antiga meda de cudda de is aregus, de is etruscus e de is arromanus. No acudeus a arregonnosci chi seus una natzioni arromanza, chi seus sardus e arromanus a su propriu tempus, e no acudeus a ponni paris custa cosa. Sa cultura protosarda est muda, fintzas a oi, ma est manna, cumenti mannus funt is nuraxis, ma no seus steiu capassus de dda fai connosci ni in Italia ni in su mundu. E a pustis, narant ca sa Sardinnia no tenit cultura. Poita is sardus in su Rinascimentu castiànt a sa Spannia e no a s’Italia. est una brigungia chi no si connoscat sa literatura sarda in spanniolu. nant ca est cultura de Sardinniolus, ma est intamis una cultura de unu pobulu piticu, plurilingua, ma chi perou teniat dus universidadis, po 300,000 abitantis, faci a una univesidadi sceti po su Rennu de Napulis chi teniat 10 milionis de abitantis. Nossi, Robertu caru, tui sballias candu criticas a Pigliaru: Pigliaru est tataresu e su sardu no est sa lingua sua. Tocat a acetai ca sa Sardinnia est plurilingua, e fortzis doi est stetia sempri aici. Sardegna quasi un continente naràt Marcello Serra. Sissi, casi unu continenti (est aici puru po sa geologia !!), abitau de pagu genti, pobulus diversus, chi tenint in comunu de bivi in un’isula sa prus “isolada” in su mediterraneu. Ma eus tentu unu Stadu totu nostu, Su Rennu de Sardinnia, chi teniat sa bandera sua, is cuatru morus e is istitutzionis suas. Is inniorantis ddu tzerriant “dominatzioni” strangia, ma prova-ddu a nai a chini naràt “cixiri !!”. Franciscu Sedda, s’amigu tuu, no connosci sa storia de is cuatru morus, fatu a semiologu, no s’est postu puru su problema de ita bolint nai cussus simbulus. no connoscit nudda de is istitutzionis de su Rennu de Sardinnia, ca teniat Parlamentu, Corti Suprema, sa Reali Udientzia, un’aministratzioni fata totu de sardus, francu su visurrey. e totus a allabai is Giuigaus scadescendi-si ca in cuddus tempus is sardu gherranta s’unu cun s’atru. Atru chi “edadi de s’oru !!” Tocat a connosci beni totu sa storia e sa cultura sarda, a foras is slogans populistas !! E fintzas a candu is sardus no ant a connosci sa storia e sa cultura insoru cumplicada ma manna e arrica, eus a sighiri a essi “sardinniolus”. ma cun custu una lingua sarda unificada amarolla, chi ponit a ladu is chi no tenint su sardu che lingua de su connotu, chi no cumprendit chi sa lingua sarda tenit duas traditzionis “cultas”, e custas fiant arregonnotas de is babus nostus antigus, chi sa cabidali de Cabesusu, sa citadi chi at donau a s’Italia Antonio Segni, Francesco Cossiga, dus presidentis de sa Republica, e Enrico Berlinguer, no est sardofona, chi no cumprendeus chi sa Sardinnia est casi unu continenti, una lingua unificada at e essi bia cumenti una prepotentzia ca no si podit aguantai. Sa Sardinnia est Natzioni, mancai no tengat una lingua sceti (custa est ideologia natzionalistaca de s’otuxentus), e, a sa faci de is chi no dda stimat, Natzioni at a sighit a essi. Lingua o no lingua.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: