Archive for August, 2016

August 30, 2016

Bella, giovane e figlia della lupa, la Claudia Alighieri ha gioco facile con l’intellettuale sardignolo.

Questa non poteva lasciarla passare senza commenti: un dibattito sul sardo tra l’esponente più giovane–e sicuramente più bella–della Società Dante Alighieri (Claudia Ballanti) e il nostro scrittore giovanile e bellixeddu Flavio Soriga.

Guardatevelo: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-b2382c02-4023-4367-b846-c5d5294e3386.html

La bella Claudia è ben addestrata al CREDERE OBBEDIRE COMBATTERE della linguistica italiana.

Sa quattro cose sul sardo e ignora ciò che le fa comodo ignorare.

Parla di “distinzione ufficale”(sic!) tra lingua e dialetto.

Lampu! A quanto pare hanno fatto una legge che definisce la differenza tra lingua e dialetto.

Dice al povero Soriga: “Ma tu non scriveresti mai un trattato scientifico in sardo o le leggi.”

Soriga non scriverebbe neanche le parolacce in sardo, anche se lo sa leggere.

Oh, la che Soriga mi è simpatico: parit unu piciocheddu fuíu de domu!

La bella figlia della lupa non sa, o pretende di non sapere, che almeno un trattato scientifico in sardo è stato scritto: Sa chistione mundiali de s’energhia.

Soriga non lo sa neanche lui, altrimenti la RAI col cazzo che l’avrebbe invitato, chiaro.

Poco credibile, invece, che la giovane balilla non sappia dell’esistenza della Carta de Logu e delle varie leggi regionali tradotte in LSC.

Soriga, forse affascinato dalla linguista instancabile, si lascia sbruncare e sorride contento.

Poi, contento, legge dei proverbi in sardo e li traduce per il padrone bianco.

La sveglia al collo gliel’hanno messa dietro le quinte.

Advertisements