Cagallone lui e merde i suoi spettatori

Afbeeldingsresultaat voor daverio

È vero che è crudele infierire su un poveraccio che gira ancora con la cravatta della Prima Comunione, ma mi sono rivisto il filmato del critico d’arte–e mettilo da parte!–e devo dire qualcosa sugli spettatori del programma in cui Philippe Daverio ha definito i pastori di Gallura come i “meno evoluti tra i cristiani”.

Nel video si può vedere una crapa pelata che, alle parole di Philippe, fa una smorfia che potrebbe essere una risata trattenuta o un sorriso di commiserazione.

God knows!

Daverio combatte il razzismo anti-arabo con il razzismo anti-sardo e questa è l’unica reazione: ambigua, oltretutto.

Che merde, questi spettatori: merde italiane.

Non sanno un cazzo dei pastori “galluresi”.

Non sanno che per tradizione i Galluresi non allevano pecore, ma mucche, e che i pastori (di pecore) presenti in Gallura sono Sardi provenienti da altre regioni della Sardegna.

Non sanno nulla della storia della Sardegna.

Il cagallone affarffallato forse qualcosa la sa, ma riesce soltanto a parlare delle belve piemontesi:

Non dice nulla–lo storico affarfallato–non dice nulla dei moti angioini e della sfortunata rivoluzione antifeudale sarda: guidata dal grande rivoluzionario Giovanni Maria Angioy e la seconda in Europa, dopo quella francese.

Questa merda di uomo usa la Sardegna per parlare (bene) delle belve piemontesi prima e italiane poi.

Se i Sardi non avessero trovato sulla loro strada quelle merde sanguinarie dei Savoia, che hanno soffocato con la tortura e la forca la loro rivoluzione, la Sardegna si sarebbe liberata dalla barbarie feudale (dei Piemontesi) ben prima della penisola italiana.

E questa merda di uomo ci addita oggi come paradigma dell’arretratezza e della barbarie.

Uno storico della Sardegna che ne ignora la storia?

Una merda, insomma.

E i suoi spettatori italiani?

Merde.

Compresi quegli intellettuali “de sinistra” che si sbragano contro il razzismo, quando questo non è indirizzato contro i Sardi.

Merde italiane.

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: