La dislessia di Deriu e la nuova legge sul sardo

 

In questi giorni sono apparsi degli interventi polemici sulla proposta di legge 167: ” Norme volte ad incentivare l’insegnamento della lingua sarda nelle scuole di ogni ordine e grado della Regione. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 15 ottobre 1997, n. 26 (Promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegna)”.

Interventi che, per motivi noti a tutti quelli che si interessano di sardo, non meritavano alcuna attenzione.

Erano Pro domo sua, e questo lo sanno tutti.

Ma ieri, sulla Nuova Sardegna è apparso l’intervento di Roberto Deriu, consigliere regionale del PD: La lingua sarda è una: lo negano solo i reazionari.

Esss, mi son detto!

Devo aver letto male il testo della legge…

Sono tornato a leggermela e ho trovato questo:

Art. 4

Compiti della Regione

[…]

3. La Regione adotta, per la lingua sarda, una norma ortografica di riferimento e una norma linguistica di riferimento. 

C’è scritto: UNA NORMA

e poi, più avanti, ho trovato questo:

Art. 9

Norma ortografica e norma linguistica di riferimento della lingua sarda

1. La Regione promuove, attraverso una procedura trasparente e partecipata, la definizione di: a) una norma ortografica di riferimento della lingua sarda; b) una norma linguistica di riferimento della lingua sarda, nella sua forma scritta.

Anche all’articolo 9 c’è scritto UNA NORMA

Ora, come i miei lettori sanno benissimo, io sono completamente d’accordo che il sardo sia una lingua e non due e, modestia a parte, mi sembra anche di averlo abbondantemente dimostrato, n’est ce pas?

Tanti po ddu nai in sardu.

Non capisco bene, nel testo della proposta di legge, cosa voglia dire “norma linguistica”, e invito i proponenti a farsi capire meglio, ma non ho dubbi sul fatto che si parli di UNA NORMA.

Che Roberto Deriu sia dislessico?

La mia paura si rafforza leggendo il seguente passaggio: “Ma non si ferma qui: ipotizza che di lingue sarde ce ne sia più di una, facendo leva sul concetto di “variante”. Tale ipotesi si esplicita in modo particolare laddove si definisce pleonasticamente la lingua sarda “nelle sue varianti storiche e locali” (articolo 1, comma 2), ma soprattutto nella lettera (b dell’art. 2, dove le varianti vengono definite come le “macro varianti letterarie logudorese e campidanese”.”

Francamente non capisco di cosa Deriu stia parlando.

Da nessuna parte nella proposta di legge ho letto che il sardo sarebbe due lingue al posto di una.

Quanto alle varianti, all’articolo 2 si legge:

b) per “varianti storiche e locali della lingua sarda” s’intendono: le macrovarianti letterarie logudorese e campidanese e le parlate diffuse nelle singole
comunità locali;

Ora, io sono uno di quelli che hanno mostrato che, linguisticamente, il sardo non può essere diviso in logudorese e campidanese.

Ma questo non cambia niente al fatto che esistano due tradizioni letterario-ortografiche, che, pur non avendo mai ricevuto una standardizzazione effettiva, hanno a polarizzato l’ortografia di molti sardi.

Poi esiste una diffusa, quando linguisticamente infondata, percezione di una polarizzazione tra dialetti centrosettentrionali e dialetti meridionali.

Percezione basata soprattutto sulla banalizzazione delle già banali idee di Wagner da parte degli scribacchini sardignoli.

Fatto sta che la suddivisione sociale del sardo nelle due fantomatiche varietà linguistiche è per molti sardi una realtà.

Logudorese e campidanese non esistono nella lingua, ma nella società.

Detto questo, il progetto di legge non propone due differenti norme di riferimento per il sardo.

Dove possa aver letto il consigliere Deriu questa proposta di divisione del sardo in due rimane per me un mistero.

Io leggo sempre e solo la proposta di UNA NORMA.

All’articolo 2. si legge:

d) per “norma ortografica di riferimento” s’intende: l’insieme di regole generali, convenzionalmente definite, di rappresentazione ortografica dei suoni della lingua sarda;

e) per “norma linguistica di riferimento” s’intende: l’insieme di regole sintattiche, morfologiche e lessicali che definiscono lo standard della lingua sarda.

All’articolo 2-e si parla di STANDARD, UNO STANDARD, cosa per me non necessaria, vista la grande unitarietà grammaticale del sardo.

Si parla di uno standard, non di un doppio standard.

Insomma, perché Deriu senta il bisogno di scrivere: “Negare l’unitarietà della lingua sarda è un’ipotesi che bisogna con franchezza definire reazionaria. La proposta compie un passo indietro anche rispetto alla legislazione statale della 482/99 che considera il sardo come una espressione linguistica unica. Per capire di cosa parliamo, pensiamo all’italiano: in alcune regioni si dice anguria, in altre cocomero: sono due lingue diverse? No, sono geosinonimi; esattamente come sceti e petzi. E ciò non fa di “logudorese” o “campidanese” due lingue diverse.” rimane per me un enigma.

E non è neanche vero–ma questo Deriu non lo dice–che la legge voglia  affossare la LSC.

Deriu non lo dice, ma diversi di quelli che scrivono PRO DOMO ISSORO lo hanno scritto.

All’art. 9.4 si legge:

4. Nella definizione della norma linguistica di riferimento della lingua sarda, la commissione tiene conto delle norme di riferimento adottate dalla Regione a carattere sperimentale per la lingua scritta in uscita [LSC] dell’amministrazione regionale e degli esiti della sua sperimentazione.

Insomma, davanti a simili fraintendimenti, l’ipotesi più benevola è che Deriu e i suoi ispiratori siano tutti dislessici.

Advertisements

4 Comments to “La dislessia di Deriu e la nuova legge sul sardo”

  1. Sa proposta noa chistionat de “norma ortogràfica de arreferimentu” de manigiai totus, e de “norma linguìstica de arreferimentu” de manigiai s’Arregioni sceti.
    Nau de manera pràtica, cun sa proposta noa is comunidadis localis e is scolas, po otenni s’agiudu de s’Arregioni, ant a porri scriri “luxi” e “lughe” (sceti po fai un’esempru), e custu depit essi chi a calincunu ddi parint duas lìnguas, ca issus iant a bolli ponni totus a scriri “lughe” sceti, comenti ant amostau cun LSU e LSC.

  2. Custa lege giogat pitzus de is cuncetos de norma ortogràfica e norma linguistica. Sa norma linguistica at a èssere impreada cumente pro sa LSC isceti pro is documentos in essire de sa regione, mentre sa norma ortogràfica at a èssere cussa impreada in pratica pro totu is àteras comunicatziones iscritas. Sa norma linguistica però at a dèpere rispettare s’evolutzione de sa literadura de sa Sardigna e in custa lege ant iscritu ca is macrobariedades literarias sunt su campidanesu è su logudoresu. Lassende a una banda ca su logudoresu illustre in beridade est una norma literaria nàschida pro èssere sa norma literaria de totu su sardu e non de una banda ebbia e fiat impreada fintzas de autores meridionales e ca ogni autore meridionale impreaiat su dialetu suo e mai nisciunus at teorizadu una campidanesu literariu, innoghe semus bidende is istereotipos de sa pratzidura de su sardu in una lege de sa RAS. E posca pro ite su nugoresu o s’arborense no podent aspirare a divènnere normas literaria con totu sa traditzione iscrita chi tenent. Deriu tenet regione: custa norma est reatzionaria.

  3. In pratica faghent imbucare de sa gianna printzipale s’istandard de su sardu a dopia norma.

  4. Sa proposta tocat a dda ligi beni: innoi nc’est scritu chi totu is fueddadas (“varianti storiche e locali”) ant a agatai pari dinnidadi:

    Art. 1
    La lingua sarda nelle sue varianti storiche e locali, il catalano di Alghero, il gallurese, nelle sue varianti, il sassarese e il tabarchino, costituiscono parte del patrimonio immateriale della Regione che adotta ogni misura utile alla loro tutela, valorizzazione, promozione e diffusione.

    Art. 2 lett. b)
    per “varianti storiche e locali della lingua sarda” s’intendono: le macrovarianti letterarie logudorese e campidanese e le parlate diffuse nelle singole comunità locali.

    Is arreatzionàrius anti-democràticus funt is comenti a Deriu chi iant a bolli imponni LSC/LSU a totus, sighendi a nai sa fàula de su logudoresu nàsciu po essi norma literària de totu su sardu, e denneghendi s’importu mannu e sa stòria de su campidanesu literàriu. Custus funt is chi nant partzidoris a is àterus, arratza de faci de sola chi teneis.

    Su sardu at a tenni una norma unidària candu totus ant a arreconosci su balori de is àteras fueddadas, no una de mancu, e custa proposta de lei agiudat su caminu in cussa deretura.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: