Anca seu barrosu e presumíu

402-2

In trint’annus mi seu furriau deu puru a Olandesu.

‘TA SEGAMENTU DE CULU CHI FUNT!

Sempri cun su didu pesau narendi a is atrus su chi depint fai.

Barrosu e presumíu, anca seu.

Andria mi dd’at nau in faci, de amigu.

Atrus ddu scriint in atrus blogs, cuaus a palas de unu nomingiu.

Ma sa Sardinnia dda boelus lassai comenti est o dda boleus furriai a cosa mellus?

Si boleus cambiai sa Sardinnia, s’unica cosa chi podeus fai est a circai de cambiai is Sardus.

Ita est sa cosa chi andat peus in Sardinnia?

S’Italia, est craru!

Si boleus ammilliorai sa Sardinnia tocat a dda fai prus pagu–e prus pagu meda–italiana.

E a ita dda bolis furriai sa Sardinnia, a Olanda?

Non fait, e mancai fessit, non dd’emu a bolli.

Deu emu a bolli furriai sa Sardinnia a logu normali.

Unu logu aundi trabballas–ca su trabballu s’agatat–pagas is tassas e po s’atru ddu biis tui su chi bolis fai.

Su bisu de unu burghesu piticu-piticu: trabballu, famillia, amigus….

Su logu est bellu e su clima est bellu.

E su binu e su papai aundi ddus lassas?

Ma giai sa primu cosa po podi bivi custas fida “minimalista” est po unu muntoni de genti unu bisu.

Trabballu?

Su trabballu dd’agatas si tenis amigus, opuru est unu trabballu comenti e su de Andria.

E issu at fatu beni a m’arregordai ca in Sardinnia puru ddoi est genti chi arresistit.

Deu su trabballu chi apu tentu in Sardinnia fiat:

(1) manorba in s’edilitzia: un’annu cun amigus de famillia (chentza de assigurai: 10.000 francus a sa diri, in su 1977) e un’annu in s’impresa aundi trabbalát connau miu. Cun s’uficiu de collocamentu ge s’est arrangiau su meri.

(2) manorba in su comunu de Iglesias: su postu dd’apu binciu in unu cuncursu innui sa prova fiat a scriri unu tema. Beh, insomma, mellus de un’atru manorba ge sciemu scriri, ma su propriu est stetiu un’amigu e bixinu de domu chi custa cosa dd’at fatu sutzedi.

Ebbene si, lo ammetto: non sono un’uomo tutto d’un pezzo!

Femu cojau, affillau e disisperau.

Ah, tanti po ddu sciri: cun totu cussas sachitas de cimentu de 50 kilus, mi fiat bennia sa “ernia del disco”.

Ma tra una cosa e s’atra, su votu a cuss’amigu non si dd’apu mai donau.

Faixedda meda dd’apu arregalau, mi!

Faixedda de s’ortu miu e totu, est craru: druci-druci!

Forsis est berus ca deu seu barrosu e presumíu, ma a una classi dirigenti chi lassat sa gioventudi disocupada, pedendi trabballu e custrinta a donai su votu a issus, deu dda tzerriu “classi dirigenti de merda”.

Su chi serbit a sa Sardinnia est sa gioventudi trabballendi.

E poita non ddoi nd’est trabballu?

Comenti mai is Sardinnia ddoi est sa “dispersione scolastica con annessa disoccupazione giovanile” prus artas de su stadu italianu?

Comenti mai su 36% de is piciocus non est bonu a ligi unu testu simpli in italianu standard?

Totu curpa de is atrus?

Non at essi ora de si ponni in discussioni fatus a Sardus puru?

Eja, seu barrosu e presumíu, ma comenti mai custas preguntas non ddas ligiu in atru logu?

Deu immoi a modellu nci tengu a s’Olanda e su chi sutzedit in Sardinnia non ddu potzu acetai.

Po mei non est normali.

Ma si tenis s’Italia a modellu, tandu sa miseria de is Sardus si furriat a cosa normali.

Eja, seu barrosu e presumíu.

2 Comments to “Anca seu barrosu e presumíu”

  1. Egr. Prof. Bolognesi,

    sono Emanuele Pes, un libraio antiquario. Mi permetto di disturbarla perché sto ripubblicando in facsimile un poema in sardo di un gesuita catalano che si trovava in Sardegna, dove morì nel 1790. Si chiamava Andrés Febrés, e aveva composto una grammatica di una lingua amerindia (del mapuche) nel 1765, pubblicata a Lima.

    Aveva scritto in Sardegna anche una grammatica del sardo (che i piemontesi rifiutarono di pubblicare) e appunto il poema (1787) che, nell’introduzione, contiene alcune proposte per segnalare graficamente l’apertura e la chiusura delle vocali. Riporto di seguito le righe nelle quali vuole spiegare questa possibilità di resa grafica:

    “La E ed O chiuse si notano con la ē e ō lunghe, quando in esse sta la posa dell’accento della parola; e con la ĕ ed ŏ brevi, quando non vi sta detta posa, nel qual di certo sono pur chiuse, benché non n’è tanto percettibile il suono: le non notate in questa guisa sono sempre aperte, abbiano o no l’accento o posa, e il suo segno. Perciò queste voci segnate così Gēnĕru, Pŏdĕrosu indicano di avere tutte le E ed O chiuse, ed insieme lunga la prima E della prima e l’ultima O della seconda; e queste segnate Géneros, Poderósos indicano averle tutte aperte”

    Tenta anche di dare una regola sintetica: “La E ed O si pronunzia in ogni dialetto sardo chiusa, se nel logudorese le segue immediatamente, o nella sillaba susseguente un I od U, od altre E od O chiusa; altramente si proferisce aperta”

    Della grammatica sarda sono rimaste pochissime pagine. Il problema che mi sto ponendo adesso è fondamentalmente questo: in Cile, e in generale tra gli studiosi del mapuche, si è sempre discusso e ci si è divisi, per una ricostruzione della fonetica storica della lingua, sull’attendibilità della descrizione della fonetica contenuta nella grammatica del mapuche di questo autore (era fondamentalmente ottenuta col paragone con la pronuncia di altre lingue) e da queste righe mi sembra un osservatore quantomeno non superficiale di fenomeni fonetici (in questo caso del sardo).

    Se d’interesse le invierei via mail la dedicatoria composta da Febrés, indirizzata al re di Sardegna (che la rifiutò).

    Mi scusi per ogni disturbo

    Cordiali saluti,

    Emanuele Pes

    Via Nazario Sauro, 13

    09047 SELARGIUS

    • Salute!
      Posso solo dire che entrambe le osservazioni sulle vocali sono esatte e che per comprendere il problema dell’apertura delle vocali medie, bisogna essere dei buoni osservatori. Ma non capisco cosa potrei fare io, oltre che dirle queste cose.
      Ovviamente mi farebbe molto piacere ricevere la mail con la dedica di Febrés.
      Il mio indirizzo è: robertobolognesi@hotmail.com.
      La ringrazio

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: