Archive for October, 2016

October 2, 2016

I sardignoli che a Lanusei diventano sardi

sardegna

Basta così poco.

Basta essere democratici e basta essere sardi.

E i Savoia, caricati sull’asino comunale, partono verso l’oblio: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/10/01/lanusei_la_giunta_cancella_i_savoia_piazza_vittorio_ora_diventa_p-68-537935.html

Non ci sono grandi discorsi da fare.

Il buon senso, per raro che sia in Sardegna, rimane solo buon senso e non ha bisogno di molti commenti.

Le strade di Lanusei, prima dedicate a vergognosi protagonisti dell’imperialismo italiano, farabutti e parassiti, vengono oggi dedicate a sardi degni di essere ricordati.

Una cosa che dovrebbe essere normale, routine, ma che invece merita di finire sul giornale per via della sua eccezionalità.

Sarebbe dovuta essere normale già nel 1946.

Ma la Sardignolia è dura a morire.

Lanusei ha creato un precedente importante di democrazia e sardità.

Vedremo cosa farà Chjagliari, con il suo sindigo sardignolo che si spacca.

Advertisements
October 1, 2016

I sardignoli? Italiani di serie C

Guardatevelo, questo bello spot della CRAI: https://www.youtube.com/watch?v=

Me l’ha mandato un’amica parecchio incazzata e, in effetti, l’avevo visto passare su Facebook, con dei commenti arrinegaus.

Invece a me piace questo spot razzista, perché ci fa vedere come ci vedono gli italiani.

Quando lo dico io, che i sardignoli sono italiani di serie C, beh, chiaro, Bolognesu provoca, esagera, è pesante.

Guardatevi lo spot!

E non è affatto vero che lo spot sia stato fatto da ignoranti–ignoranti di cose sarde–perché la pronuncia del cognome “Cuccureddu” è perfetta.

L’uomo pronuncia una cacuminale (la doppia D) da manuale di fonetica.

Chiaramente hanno scelto un parlante che ha avuto il sardo come L1.

Hanno curato ogni particolare.

Sanno come ci vedono gli italiani e così ci hanno rappresentato.

Quando studiavo italiano ad Amsterdam, una compagna di corso che era stata in Sicilia con l’Erasmus, ha detto–non ricordo perché–: “In Sardegna non c’è cultura.”

Non c’era mai stata, ovviamente.

Allora, cari lettori, dite ai sardignoli di vedersi questo spot.

Voi, ovviamente, non siete sardignoli, altrimenti non mi leggereste.

E poi chiedete loro cosa ne pensano.

Io credo che protesterebbero per Cuccureddu.

Zola!

Il sardo avrebbe dovuto rispondere: “Zola”!

Ah, credo che anche a voi farà piacere che quella mia compagna di università è finita male.