Spantu mannu! Su sardu intrat in sa scola cun una lei?

054-2

Custa non mi dd’abetaía:

http://www.sardegnaoggi.it/Politica/2014-04-26/25129/Lannuncio_Il_sardo_nelle_scuole_con_una_legge_regionale.html?fb_action_ids=10203564836672653&fb_action_types=og.comments

11 Comments to “Spantu mannu! Su sardu intrat in sa scola cun una lei?”

  1. Piticu su caraxu ca eus fatu… hahaha. Scidadura po totus…

  2. Non de solu annùntzios est fata sa bida. Deo iseto a bider.

  3. Est un’annùntziu chi serbit a digeriri is tàglius chi depint fai a sa lingua. Sa Regioni non tenit potestadi po sa lingua me is scollas. Duncas cussu chi podint fai est sceti aria fritta. Però guadangiant duus annus de tempus. Si bidi giai sa manu de Blasco e Paulicu Zedda. Tocat a donai atentzioni.

    • Eja… atentzioni a is lupus Blasco e Zedda… le uniche persone che hanno già il loro posticino… a loro non gliene può sbattere proprio zero e neanche a me… siete talmente abituati al sistema italiano laddove ogni uno cerca solo il proprio vantaggio che nessuno si può immaginare che qualcun’altro (come me e altri) facciano le cose per piacere e per la comunità… o per la lingua… visto che nemmeno Bolognesi guadagna qualche cosa con il suo blog… si vede questo atteggiamento anche nelle accuse nell’ultimo articolo di Giuseppe C. Ovviamente… ci stiamo sbattendo da anni per la lingua sarda a gratis perché ora vogliamo qualche cosa… proprio ora che tanto non c’è più niente… sarò troppo felice se non ci saranno più soldi per la lingua, così vediamo chi si muove veramente e così vediamo cosa si può fare con poco, senza qualcuno cerchi di imporre niente a nessuno.

  4. Eja siguramenti sa traduzioni de Falconi ddas fata gratis

    • Eja tesoro! Est diaici… se lo vuoi sapere veramente. La traduzione l’avevo già da tre anni nel cassetto perché l’ho fatta per inparare il sardo. Per la revisione sono state pagate due persone. Una dalla Condaghes e l’altra come progetto della Federazione dei Circoli in Germania. Io non ho preso neanche mezza lira e neanche la Condaghes… solo se vendiamo, la casa editrice avrà magari un piccolo soldo per la copertina e la stampa indietro e io prendo forse un paio di euro per ogni libro… e questo te lo può confermare sia Nanni Falconi e il direttore della Condaghes. Buona serata!!!

  5. E de tzertu Alexandra no at leadu nudda dae sa regione sarda, comente a s’imbesse leant cuddos chi traduint dae àteras limbas a su sardu. l

  6. Nanni, lu naras forsis pro mene chi mi so inrichende cun su dinari chi mi dant pro sas tradutziones mias?

  7. Giagu! ma cando mai!? Non creo chi si siat irrichende neune cun custas tradutziones. Sa regione pagat pro traduer in sardu dae sas àteras limbas e pro me est una cosa bona. No lu faghet a s’imbesse, comente calicunu forsis est pensende, como chi est essida una tradutzione de unu romanzu dae su sardu a su tedescu.

  8. Nanni est beru. Sa RAS finàntziat tradutziones dae àteras limbas a su sardu, e faghet bene meda ca inrichit sa literadura in sardu; no isco cantas nde finàntziat e nen cantu. Una cosa però est tzerta: su tradutore non bidet mancu unu tzentèsimu. E custu lu naro pro callare sa buca a cuddos chi nant chi b’at gente meda chi bi màndigat.

    • A su matessi tempus sa RAS diat promotzionare tradutziones de literadura sarda in àteras limbas, pro nos dare a connòschere a in foras, e in cussu tenes resone tue: no lu faghet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: